TOP

Esclusiva Golf Design Vision GTI, un capriccio da 4 milioni di euro

Golf Design Vision GTISWNS.com propone un’immagine interessante, il confronto fotografico di due generazioni Golf GTI, la prima costruita negli anni Settanta e la seconda modello Golf Design Vision GTI che il produttore ha creato con un budget di 4 milioni di euro. Le prime immagini del modello presentano uno stile prorompente con un disegno di nota nella parte anteriore, leggermente incisa presenta due griglie, una grande a forma di trapezio rovesciato e una piccola in linea con il simbolo del marchio WW GTI che unisce i due fanali anteriori che mostrano dispositivo luce LED e i segnalatori antinebbia laterali, completano il profilo davanti tre placche tagliavento che nascondono delle prese d’aria; questo sistema evidentemente consente una tenuta di strada precisa in alta velocità e con condizioni meteo variabili. Lateralmente vediamo due singoli portellone di entrata anch’essi incastonati con una linea a presa d’aria che disegna il confine dell’entrata nell’abitacolo. Nella parte posteriore della Golf Design Vision GTI possiamo vedere un portabagagli rialzato, forse la visibilità potrebbe essere leggermente compromessa da una vetrata troppo sottile, si nota una leggera continuazione del telaio superiore, un altro dispositivo che consente una migliore risposta di guida e un controllo aerodinamico di tenuta.

Tra le caratteristiche tecniche della nuova auto Golf Volkswagen GTI possiamo citare l’introduzione di un motore a benzina 3 litri Twin Turbo VR6, ha il massimo di potenza raggiunto dai modelli generazione Golf, il motore verrà aggiornato anche per una versione diesel e ibrida. Sulla nuova Golf Volkswagen sono state montate ruote di ultima generazione con cerchi in lega da venti pollici e dischi freno carboceramici da quindici pollici, il modello pneumatico deriva dall’elaborazione del sistema montato sulla Austin GTI con l’aggiunta di pale integrate progettate per diminuire l’impatto calore del freno, SUL freno e sulle altre parti meccaniche coinvolte, i numerosi punti di entrata e uscite d’aria presenti nel telaio della macchina hanno anche questo scopo, garantire una maggiore resistenza e durata delle parti meccaniche che potrebbero risentire dell’eccessivo calore soprattutto in usi prolungati dell’auto. Il responsabile di design Klaus Bischoff ha raccontato il nuovo modello e i progetti dell’azienda svedese. L’obiettivo del team di progettazione era quello di creare un colpo d’occhio spettacolare per il futuro dei modelli GTI, nel nostro intento di essere protagonisti globali abbiamo studiato un linguaggio di stile universale, abbiamo creato un design che comunica immediatamente l’identità del marchio e questo sistema sarà apportato anche ai futuri modelli con logo Volkswagen. Il GTI di Volkswagen Golf Design Vision ha anche un sistema per la riduzione consumi ed emissione CO2 tramite l’applicazione di convertitori catalitici montati vicino al motore. LA potenza massima prodotta dall’auto viene inoltre trasferita direttamente alle ruote tramite cambio automatico DSG a doppia frizione. L’interno dell’autovettura si presenta essenziale, moderna e accessoriata con diverse opzioni di scelta servizi, PURE GTI è il motto sponsor del nuovo modello Volkswagen Golf Design Vision e riassume l’intento di creare uno spazio guida confortevole ed essenziale, pieno di servizi ed accessori ottimizzati nello stile e nelle intenzioni di creare un’automobile concentrata sulla migliore guida del conducente. Sulla produzione e futura vendita l’azienda non ha ancora parlato di grande commercializzazione, saranno create piccole produzione esclusive durante i vari anni. Per l’azienda il nuovo modello è costato quasi quattro milioni di euro, ma la vendita dei singoli modelli potrebbe arrivare a ventiseimila sterline.

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2512765/Volkswagen-Golf-Design-Vision-GTI-costs-staggering-3-4m.html

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>