TOP

Ferrari 250 GTO: vendita record del modello storico

ferrari 250 gto auto epocaLa Ferrari 250 GTO fa parlare di sé, modello storico del cavallino rampante ha registrato la vendita più costosa degli ultimi tempi. Un acquirente sconosciuto ha acquistato il modello del 1962 per un prezzo di 52 milioni di dollari. L’auto apparteneva a Paolo Pappalardo un collezionista del Connecticut. La macchina era stata acquistata da Pappalardo nel 1974, è stata restaurata e usata in gare sportive ed esposizioni storiche, nel 2002 ha partecipato alla competizione Le Mans Classic e, precedentemente.

Il prezzo di vendita ha superato con un 49% una precedente vendita auto di lusso e storica. Fino adesso i modelli Ferrari degli anni ’50 e ’60 risultano essere i più cercati dai collezionisti e i più quotati. Un concessionario californiano, Don Williams di Blackhawk Collection ha spegato: “Oggi possedere una Ferrari GTO, significa possedere una top car. E’ come la Gioconda, un oggetto mistico, se si dispone di una Ferrari GTO si ha una grande collezione”. Altri importanti proprietari del modello cult sono il batterista dei Pink Floyd, Nick Mason il quale ha ricevuto offerte di acquisto tra i 40 e i 50 milioni di dollari, il bancario Goldman Sanchs, Rob Walton, presidente di Wal Mart e Lawrence Stroll. Il rivenditore Joe Macari ha una sede Ferrari a Londra e ha spiegato che avere una vettura simile, la Ferrari GTO, è un cult, “se sei un miliardario, si sente il bisogno di averne almeno uno di modello”, anche se hanno mai vinto una gara sportiva, come ad esempio Le Mans, preferiscono avere una testa rossa e presentarsi, a confermare questa tendenza è un rapporto del mese di agosto dell’Historic Auto Group di Londra, le vendite private e pubbliche di Ferrari rare è salito al 54%.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>