TOP

Fiat 500L:Citycar che diventa monovolume

fiat 500 LSarà presentata al Salone di Ginevra di cui il countdown è ormai iniziato, e sarà prodotta nello stabilimento serbo della Fiat.

Con la Fiat 500L si vuole creare una versione familiare della precedente 500, partendo da ciò che hanno rappresentato per il mercato la Fiat Idea e la Fiat Multipla.

Pensata proprio per dare un ampio spazio all’interno, sottolinea la capienza dei 5 posti.

La Fiat 500L raggiunge la lunghezza di 4,15 metri per un altezza di 1,66, mentre in larghezza rimane a 1,78.

Anche se è un’evoluzione del precedente modello della Fiat 500,         questa presenta degli elementi di differenza abbastanza marcati.

Partendo del tetto, la Fiat 500L mostra uno stile retrò, con delle incisioni che riportano al passato, e il posteriore completamente diverso da quello della “vecchia” 500. Infatti questo riprende il posteriore della Mini Paceman dello scorso anno.

Lateralmente riprende il pianale punto, allungato, con delle cromature nelle maniglie e le protezioni laterali spostate in basso che mettono ancor più in rilievo i passaruota, dando l’idea di dinamismo e movimento.

L’anteriore resta basso, e anche i fari cambiano leggermente: pur rimanendo rotondi sono però allungati sull’esterno del cofano. Le luci di posizione seguono lo stesso stile e si ritrovano a pochi centimetri più in basso sotto i fari.

La particolarità che salta subito all’occhio è la maggiore visibilità dall’interno, grazie agli “oblò” posizionati sia sui montanti anteriori che su quello posteriori.

Le motorizzazioni della Fiat 500L dovrebbero essere:

1 motore benzina, 900cc Twinair da 85 cavalli

1 motore 1.4 benzina che si presume da 95 cavalli

1 motore turbodiesel 1.3 Multijet nelle versioni da 75 e da 95 cavalli.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>