TOP

La Levante “aiuta” Mirafiori

Maserati LevanteLa notizia è di quelle interessanti e piacevoli di certo. Il livello occupazionale di un buon numero di operai dello stabilimento di Mirafiori a Torino coincide con una crescita notevole delle vendite in casa Maserati. Oggi infatti le vendite in Italia sono cresciute del 115%, solo a settembre, incremento che diventa del 22% se si considera il periodo gennaio – settembre 2016.

Come si diceva l’incremento si ripercuote sulla situazione occupazionale. Nello specifico 154 operai precedentemente in regime di contratto di solidarietà, svolgendo un tipo di lavoro a tempo parziale, oggi godono di un regime di tempo pieno. A Mirafiori viene prodotta la suv Levante e 36 operai sono stati destinati proprio alla linea produttiva di quest’ultima.

Tuttavia c’è ancora molto da fare per poter migliorare la situazione. Oggi infatti il reparto carrozzerie vede occupati 3.836 operai di cui 2.159 posseggono ancora un contratto di solidarietà mentre circa 1.100 sono considerati in esubero. La piena occupazione potrebbe sembrare un miraggio ma il crescente aumento di vendite di Maserati nel mondo pare possa costituire una positiva spinta sul fronte occupazionale. Nonostante questo una cinquantina di dipendenti di recente hanno dato le proprie dimissioni.

Soddisfatti anche i sindacati seppur con qualche puntualizzazione. I principali pareri positivi sono stati espressi da FIM-Cisl e da UILM soddisfatti del nuovo andamento a testimonianza di una probabile fine per i contratti di solidarietà. Questi però si aspettano anche l’introduzione di un secondo modello per proseguire la scia positiva.

Non molto positivo invece il giudizio di FIOM-Ggil che propongono invece l’estensione dei contratti di solidarietà a tutto lo stabilimento compresa quindi la linea della Levante. Questo per mettere da parte una certa disparità nel trattamento degli operai; oggi infatti alcuni lavorano a tempo pieno, straordinario compreso, mentre altri godono di ammortizzatori sociali per esempio i contratti di solidarietà.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>