TOP

Presentata a Torino la Mazzanti Evantra Millecavalli

mazzanti-evantra-millecavalli_5Mazzanti ha scelto Torino, e il suo salone al Parco Valentino, per la presentazione della speciale versione della Evantra, denominata Millecavalli. Un vezzo? No, una verità assoluta riscontrabile tra le camere di un V8 da 7.2 litri disposto in posizione centrale, capace di erogare una coppia motrice di assoluto rispetto, fissata in 1.200 Nm. C’è da dire che quasi per ogni cavallo si riscontra un chilo di peso vettura, peso che si attesta sul valore di 1.300 chilogrammi. Dati alla mano risulta quasi secondario ricordare i valori dei principali elementi prestazionali; velocità massima di 400 km/h, 0-100 km/h in appena 2,7 secondi. Trazione posteriore secondo tradizione, cambio sequenziale a 6 rapporti e per fermarsi in poco spazio freni carboceramici, i dati dicono che frenando a 300 km/h la Millecavalli impiega sette secondi esatti per fermarsi.

Possiamo già dire che la Mazzanti ha deciso di costruire “soltanto” venticinque esemplari della Millecavalli, tra l’altro tre di questi sono stati già ordinati. Per quanto invece riguarda le linee esterne il design è frutto di uno studio condotto sulle linee della Evantra del 2013, studio soprattutto volto a una maggiore efficienza aerodinamica. I miglioramenti aerodinamici sono maggiormente visibili al posteriore con l’adozione di una doppia ala, tuttavia all’anteriore ai lati del muso si notano due alette che sormontano lo spoiler anteriore capace già da sé di canalizzare i flussi ai lati delle ruote e sotto l’intero corpo vettura.

Di certo possiamo dire che la Evantra Millecavalli non difetta in personalità, coadiuvata da un potentissimo motore, la casa di Pontedera potrà di certo puntare a quella nicchia di clienti dediti al settore delle Ipercar. Si segnala che la tabella di marcia ha notevolmente ridotto i tempi di presentazione, la vettura è stata infatti presentata con circa due mesi di anticipo, cosa che ha fatto anche slittare le possibilità di testare le varie componenti.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>