TOP

RCA Auto: a Napoli raccolta firme antistangata

Presso il Comune di Napoli è attiva una raccolta firme contro il caro assicurazioni RCA Auto, l’iniziativa popolare alla quale partecipa anche il Comune, con aderenti diversi assessori, dovrebbe attivare una serie di norme per rendere più leggero questo onere, obbligatorio per chi deve per forza guidare un’automobile. Si parla di una numerosa categoria sociale che comprende famiglie, lavoratori, persone con famigliari  malati non deambulanti e così via. L’assessore del Lavoro e delle Attività produttive, Enrico Panini, ha dichiarato che con questa iniziativa si vuole porre l’attenzione agli abusi delle singole società assicuratrici.

Tali iniziative rivolte al caro RCA Auto si sono attivate anche in altri comuni, gli enti amministrativi partecipano in quanto i dati allarmanti degli ultimi tempi non hanno soltanto rilevato un calo delle polizze RCA Auto attivate, ma un conseguente numero di situazioni di infrazione; in sostanza si guida anche senza assicurazione e questo perché per alcuni è davvero una necessità usufruire dell’auto, ad esempio per accompagnare il figlio a scuola per un evento importante, portare un bambino o un anziano in ospedale, recarsi a lavoro e così via.

Le compagnie di assicurazioni sembrano aver recepito il momento di difficoltà e la piaga sociale che provocano tariffe RCA Auto troppo alte e così siamo in un momento dove si registrano conseguenti cali di prezzo delle polizze, gli ultimi dati parlano di un taglio dei costi di ben 30%.

Questo calo non è uniforme, basta farsi un giro nei siti di comparazione RCA Auto per accorgersene, e soprattutto l’abbattimento si registra per l’attivazione delle assicurazioni le quali crescono con il tempo e non garantiscono sempre una sorta di “premio valore” per i guidatori virtuosi (Fonte omnia Auto).

Tenendo conto di questi elementi riportati dall’attualità bisogna sempre tenere alta l’attenzione sulle condizioni proposte nella polizza RCA Auto e vedere quindi le condizioni di variazioni nel tempo.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>