Avvocati infortunistica stradale: quando avvalersene?

Gli incidenti stradali sono molto frequenti e spesso la guida distratta o la velocità troppo elevata, o ancora il mancato rispetto della precedenza o del semaforo sono causa di incidenti anche mortali. Vediamo in quali casi bisogna avvalersi degli avvocati infortunistica stradale.

Quando bisogna ricorrere agli avvocati infortunistica stradale

Nel caso a seguito di un incidente stradale si verifica un infortunio fisico, l’iter burocratico da seguire per ottenere il dovuto risarcimento è abbastanza complesso. Spesso molti incidenti si risolvono con l’accordo tra le parti, ma questo accade se si tratta di danni irrisori, sia per la vettura che per le persone: in questi casi è sufficiente fare una visita medica il giorno stesso dell’accaduto e allegare il referto medico alla richiesta di risarcimento inoltrata all’assicurazione. Poi l’assicurazione chiederà alla vittima di sottoporsi ad una ulteriore visita medica dietro perizia di un proprio medico legale che accerterà il danno e autorizzerà il risarcimento. Quando però le cose non sono così semplici è necessario avvalersi degli avvocati infortunistica stradale come lo studiolegalelazzari.it.

Quando le due parti che hanno contratto l’infortunio non arrivano ad un accordo le cose si complicano. I motivi possono essere vari: la scarsa chiarezza sulle dinamiche dell’incidente, varie persone coinvolte, lesioni gravi o addirittura gravissime, fatti rilevanti anche da un punto di vista penale. Tutti questi fattori complicano la situazione e quindi, in questi casi, è strettamente necessario rivolgersi agli avvocati infortunistica stradale.

Gli avvocati che fanno parte degli studi di infortunistica stradale sono specializzati in infortunistica e sono in grado di assistere la vittima sia per compilare le richieste di risarcimento, che per fornire un servizio legale completo. Sarà il medico legale a quantificare il danno biologico e durante la visita medica provvederà a valutare il quadro clinico precedente all’incidente, così da poter definire esattamente il danno biologico causato proprio da questo.

A sua volta il danno deve essere dimostrato attinente all’incidente e quindi occorre produrre una relazione dimostrabile e documentata che riporti l’evento in questione. Dopo aver accertato la documentazione, occorre verificare se il danno biologico procurato sia dovuto effettivamente all’incidente o se è derivato da una patologia precedente. L’invalidità riconosciuta al danneggiato sarà in percentuali a cui corrisponde un valore che l’assicurazione deve rimborsare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *