Carrozzeria opaca: come fare per lucidarla

La lucidatura della carrozzeria è un’operazione di grande importanza quando si ha a che fare con un veicolo che è rivestito con una vernice opaca. Le soluzioni che possono essere adottate in questo caso sono molteplici, ed è bene conoscerle tutte per assicurarsi una manutenzione perfetta e completa della macchina. Vale la pena sapere che non tutti i prodotti destinati alla pulizia sono uguali tra loro e garantiscono le stesse prestazioni: i risultati di cui si può beneficiare, infatti, variano a seconda delle diverse specificità. Quello che conta è che i trattamenti siano il più possibile accurati e all’insegna della massima delicatezza: in caso contrario, il rischio è quello di rovinare, se non addirittura eliminare del tutto, l’effetto opaco. Per questi motivi per la lucidatura della carrozzeria è bene considerare di rivolgersi ad un professionista del settore come per esempio Tunap.

Quali prodotti servono

Prima di tutto, per lucidare in maniera impeccabile la carrozzeria della propria auto, è necessario dotarsi di un panno in microfibra, che consente di non danneggiare le superfici su cui viene sfregato. I vari prodotti liquidi che verranno utilizzati per detergere, inoltre, non devono essere spruzzati direttamente contro la carrozzeria. Bisogna invece bagnare il panno e una volta che il liquido è stato assorbito si può usarlo sulla superficie. Sul mercato non è difficile trovare smacchiatori e solventi ad hoc: è importante che siano privi di conservanti e che non contengano elementi chimici in grado di compromettere le condizioni della carrozzeria.

Dove comprare i solventi

Solventi di questo tipo sono reperibili con facilità nei negozi specializzati e nelle officine, ma sempre più spesso si trovano anche nei supermercati e nei grandi centri commerciali. Un altro punto di riferimento è, ovviamente, il web, grazie al pullulare di e-commerce che mettono a disposizione prodotti specifici per tutte le esigenze. Bisogna ricordare di non lavare mai la macchina quando essa è direttamente esposta ai raggi del sole. L’auto deve essere lasciata all’ombra: in caso contrario, c’è il pericolo che, proprio per effetto del calore del sole, i detergenti lascino degli aloni perché si asciugano in tempi troppo rapidi. Le macchie sono difficili da rimuovere, e proprio per questo è opportuno scegliere una location ombreggiata. Nel caso in cui ciò non sia possibile, è indispensabile provare a prolungare la freschezza delle superfici spruzzandovi dell’acqua.

Come lucidare la carrozzeria

Prima di procedere alle varie operazioni di lucidatura, il veicolo deve essere ben decontaminato: questo vuol dire che non bisogna mai trascurare anche i più piccoli difetti, poiché ogni minima imperfezione rischia di lasciare una traccia di sé, così come i difetti, anche se di lieve entità. Per una fase di decontaminazione ottimale ci si deve servire di una barretta di argilla, che consente di eliminare qualsiasi problema, a patto che la procedura sia eseguita con attenzione e meticolosità.

Gli errori da evitare

Come si è detto, uno degli errori più pericolosi da evitare è quello che consiste nel versare i prodotti direttamente sulle superfici: ciò vale non solo per i lucidi, ma anche per le cere, che rischiano di compromettere lo strato di trasparente favorendo la comparsa di striature o di imperfezioni di altro genere. Occorre sempre ricordarsi, quindi, di versare il prodotto che si usa per la pulizia sul supporto, e sarà questo a dover entrare a contatto con la carrozzeria.

I detersivi per i piatti

Può sembrare strano, eppure non sono pochi gli automobilisti che ricorrono al detersivo per i piatti per lucidare la macchina. Come si può facilmente intuire, però, questa scelta è del tutto sbagliata, e ha il solo effetto di peggiorare la situazione. Una sostanza concepita per rimuovere le incrostazioni dalle stoviglie e per sgrassare le pentole non può certo essere adatta alle vernici delle auto, che finirebbero per patire la sua azione troppo aggressiva e per risultarne danneggiate. Per trovare il prodotto migliore, bisogna rivolgersi a un professionista del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.