Ferrari SP38 il nuovo gioiello di Casa Maranello

La nuova on-off basata sulla 488 GTB riflette la visione di un cliente con la passione per le corse.

Ferrari SP38 il nuovo gioiello di Casa Maranello, la on-off che può essere guidata sia su strada che su pista. Creata su richiesta di un noto cliente della Casa Ferrari rimarrà un modello unico.

La Ferrari SP38 è stata realizzata per un cliente storico della Rossa di Maranello, che voleva omaggiare il lato “corsa” delle auto Ferrari. In particolare dei modelli come la F40 e la 308 GTB. Costruita sulla base della 488 GTB da cui prende anche il motore V8 3.9 biturbo da 670 cavalli.

In cosa consiste il programma On-Off

Questo programma consiste ai ferraristi di prendere parte attiva alla realizzazione di carrozzeria unica, stando accanto agli uomini del Centro Stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni. Unica condizione sarebbe quella di utilizzare la meccanica di ordinaria produzione.

La SP38 è un modello unico

In quanto realizzato in base ai gusti di un importante cliente Ferrari. La Rossa ha completato alcuni giri di pista prima di partecipare al Concorso d’Eleganza Villa d’Este di sabato 26 maggio. Nel comunicato Ferrari si legge: “La massa visiva della SP38 appare concentrata sulle ruote posteriori, in virtù del design cuneiforme che si estende decisamente verso la parte anteriore”.

Il vero capolavoro di stile e tecnica lo si nota ampiamente nelle fiancate. La presa d’aria laterale della 488 GTB è stata nascosta completamente. Questo grazie alla “carrozzeria ripiegata su se stessa, partendo dalla linea di cintura ribassata della portiera verso il passaruota posteriore e il voletto”.

ferrari-sp38

Originali anche i gruppi ottici anteriori, molto sportivi e sottili, mentre i quattro fanali circolari in coda sono quelli classici. Privo di lunotto invece è il cofano motore realizzato in fibra di carbonio. Per dissipare il calore generato dal potente V8 sono state realizzate tre lamelle trasversali.

Il frontale possiede un’impostazione completamente nuova, il labbro del paraurti è ispirato alla mitica 308 GTB al quale sono state integrate le luci diurne.

Un motore potente da 670 cavalli

Il potente motore basato sulla meccanica della 488 GTB è sovralimentato mediante due turbine e montato in posizione centrale. Si tratta quindi di un V8 da 3.902 centimetri cubi. Esso sviluppa in settima marcia 670 CV a 8.000 giri e 760 Nm di coppia a 3.000 giri abbinato ad un cambio doppia frizione a sette rapporti.

La trazione posteriore è gestita da un differenziale elettronico E-diff con controllo della trazione F1-trac e Side Slip Control 2, abbinato ad un assetto con ammortizzatori attivi.

Lo spoiler posteriore ha un design molto particolare, crea quasi una cornice attorno al volume della coda. A detta Ferrari “confluisce senza soluzione di continuità nel parafango e nel diffusore aerodinamico sottostante”. Questo spoiler richiama l’iconico alettone della F40 così come l’architettura biturbo con doppi intercooler.

Anche la livrea è unica nel suo genere in rosso metallizzato a triplo strato, concepita appositamente per questo modello.

Gli scarichi sono stati integrati nel paraurti e posizionati in maniera diversa dalla 488 pista, in questo modo non disturbano il funzionamento dell’estrattore posteriore. Gli interni rivestiti dal programma Taylor Made danno un tocco aggiuntivo a questa auto sportiva dalle linee affusolate ispirata al passato.

Sull’identità del misterioso cliente Ferrari è stato mantenuto il riserbo.

A cura di Ramona Allegri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *