TOP

Acquisto auto usate: tagliandi falsi e contachilometri alterati (prima parte)

La crisi economica ha costretto molte famiglie a ridimensionare i propri bisogni e desideri, un’automobile viene considerata una via di mezzo tra un bisogno e un desiderio, perché se da un lato facilita la vita di lavoratori, famiglie e genitori dall’ altra porta delle spese annuali e mensili notevoli che molti consumatori hanno deciso di sostituire con l’uso più frequente dei mezzi pubblici.

Tuttavia, non tutti possono rinunciare all’automobile e così se non ci si può permettere di acquistare un’automobile nuova si opta per l’usato, la compravendita di veicoli di seconda mano è cresciuta in maniera esponenziale, perché c’è chi non può più permettersi di sostenere i costi dell’auto e c’è chi ne ha bisogno e cerca di risparmiare, risparmiare acquistando un’auto usata richiede delle attenzioni, ad esempio bisogna stare attenti alle truffe dei contachilometri che possono essere alterati e accompagnati da tagliandi falsi.

Leggere i bollettini settimanali dell’Autorità Garante della concorrenza e del Mercato che inserisce i procedimenti contro imprese truffaldine, tra cui quelle degli autoveicoli (Sicurauto). L’alterazione dei contachilometri prevede non solo la diminuzione forzosa dei chilometri effettuati ma anche la falsificazione dei documenti come il libretto di manutenzione che potrebbe presentare timbri e tagliandi falsi, addirittura l’aggiunta di libretti di servizio e garanzia in bianco di grandi società come Fia, VW, Mercedes, e altre.

Con questa premessa si osserva come sia importante ma allo stesso tempo difficile difendersi dalla truffa dei contachilometri alterati, l’attenzione prevede sia l’osservazione tecnica che burocratica, il tutto parte dall’avere meccanici e professionisti di fiducia che ci possano aiutare nella scelta e nell’acquisto di un’automobile usata. A livello di dati, la targa di ogni veicolo può fornire importanti informazioni come la provincia di immatricolazione, la classificazione ambientale. Si possono effettuare visure su targa o richiesta di certificato cronologico che consentono di ottenere informazioni sui passaggi di proprietà effettuati, presenza di fermi, ipoteche e altre pendenze, rintracciare i precedenti proprietari con i relativi documenti di passaggio può essere utile per confrontare i dati nel tempo.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>