TOP

Nascita dell’Alfa Romeo 33

alfa romeo 33L’Alfa Romeo 33, nata come progetto nel gennaio del 1965, progettata e costruita dal Servizio Esperienza Alfa Romeo, nasceva per rimpiazzare la favolosa TZ2. Costruita con un telaio parzialmente in lega leggera, con una migliore profilatura aerodinamica e con il motore V8 progettato da Giuseppe Busso. Ma montato il motore 4 cilindri della TZ2 per prove comparative, l’ Alfa Romeo 33 si rivela, a sorpresa e contro tutte le aspettative, più lenta della TZ2.

L’auto doveva essere migliorata, secondo le richieste della casa costruttrice, per essere pronta per partecipare alla Targa Florio e la patata bollente venne affidata, 4 mesi prima della competizione, all’ingegner Carlo Chiti dell’Auto Delta, la società esterna che gestiva il Reparto Corse dell’Alfa, che ci metterà 2 anni ad approntarla.

L’ingegner Chiti si trovò infatti a dover modificare l’auto, per migliorarla pur senza stravolgere il concetto di fondo, e si trovò impossibilitato a progettarla ex novo, cosa che, come più tardi rivelò il Pilota Teo Zeccoli, avrebbe senza dubbio preferito. Chiti si preoccupò quindi innanzitutto di aumentarne l’affidabilità, poi la sicurezza e successivamente la competitività, incontrando difficoltà via via in aumento e trovandosi a dover rimettere in discussione ogni singola scelta del progetto.

L’Alfa Romeo 33 venne infine provata nel Circuito di Monza, a cancelli chiusi, nel gennaio del 1967. Della prova, effettuata teoricamente in assoluta segretezza e senza occhi indiscreti, parlò il giorno dopo tutta la stampa specializzata.

Durante le prove, l’auto uscì di strada per via del ghiaccio e si incendiò. Il Pilota, Teodoro Zeccoli, inizialmente ritenuto grave, per fortuna se la cavò rapidamente.

Ufficialmente, l’Alfa Romeo 33 esordisce in pista il 12 marzo del 1967, nella Gara in Salita di Fleron, in Belgio. La vittoria di Teo Zeccoli viene un po’ snobbata, per via della poca importanza della gara, vittoria che invece assume grande valore se si considera che il tempo di èpercorrenza di Zeccoli è di 1’10” 8/10 e che il secondo assoluto, su McLaren Ford 4700, chiude con un distacco di 1”.

Questo l’esordio dell’Alfa Romeo 33, nella versione Periscopio.

Nel 1968 viene prodotta la versione stradale. La storia dell’Alfa Romeo 33 continuerà poi con la favolosa  Alfa Romeo 33 versione TT/12 che vinse il Mondiale Marche nel 1975 e nel 1977.

Una versione da gara dell’Alfa Romeo 33, la 33/3 è protagonista del film “Le 24 Ore di Le Mans” con Steve McQueen.

La quotazione dell’Alfa Romeo 33 TT/12, costruita in soli 18 esemplari, si aggirava nel 2004 attorno ai 12milioni di Euro.

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento

La tua e-mail non verrà mai pubblicata o condivisa.

Puoi utilizzare questi tags e attributi HTML:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>