in

Aston Martin DBR22: presentata la nuova sportiva con V12 [FOTO]

È stata progettata dal reparto Q by Aston Martin

Aston Martin DBR22

Aston Martin ha scelto la Monterey Car Week 2022 per svelare per la prima volta la spettacolare Aston Martin DBR22. Si tratta di una concept car a due posti con motore V12 che celebra la straordinaria stirpe di auto sportive del marchio britannico con abitacolo aperto.

La creazione della DBR22 è l’ultima di una lunga serie di straordinari progetti sapientemente gestiti da Q by Aston Martin, che quest’anno celebra 10 anni di realizzazione di auto esclusive.

Aston Martin DBR22
Aston Martin DBR22 profilo laterale

Aston Martin DBR22: ecco il nuovo concept di design esclusivo

Commissioni iconiche una tantum come la Victor, la Vulcan (limitata a soli 24 esemplari in tutto il mondo) e la Vantage V600 (limitata a sole 14 unità) sono magnifici esempi di queste collaborazioni. Sembra quindi appropriato che il concetto di design DBR22 debba anche costituire la base di un esempio di realtà produttiva per un numero ultra-esclusivo di clienti Q by Aston Martin.

Unendo l’arte classica della carrozzeria con materiali avanzati e tecnologie di produzione all’avanguardia, la nuova Aston Martin è una miscela perfetta di purezza del design, precisione ingegneristica, prestazioni di alto livello e vera passione. È una delle Aston Martin più rare nella ricca storia di 109 anni del marchio. Con proporzioni classiche e curve immacolate e muscolose, l’Aston Martin DBR22 fa riferimento a una lunga tradizione di auto sportive a due posti con cabina aperta.

La nuova concept car mette in mostra un corpo completamente nuovo progettato dai designer della casa automobilistica premium. La sua eccezionale forma a carrozza è stata creata da un numero minimo di pannelli della carrozzeria e vanta una presenza più scolpita e muscolosa. Il risultato è una miscela liscia e senza sforzo di eccezionale drammaticità ed eleganza, con diverse caratteristiche di design uniche.

Una caratteristica particolarmente degna di nota è la griglia anteriore completamente nuova che incorpora un design unico in fibra di carbonio al posto delle solite venature viste sulle Aston Martin di serie. Questo design prende ispirazione direttamente dalle DBR1 e DB3S, conferendo un’identità unica.

Aston Martin DBR22

Il cofano è dotato di una spettacolare presa d’aria a ferro di cavallo, incassata per favorire il flusso d’aria dal motore V12 biturbo da 5.2 litri posto al di sotto. Questa linea del cofano lunga e ininterrotta attira lo sguardo verso l’abitacolo, sopra il deflettore d’aria basso e gli specchietti retrovisori esterni, che sono montati sulla parte superiore delle portiere su sottili bracci in fibra di carbonio.

Seduto perfettamente all’interno dei passaruota c’è un set di nuovissimi cerchi in lega da 21”. Caratterizzate da un esclusivo design a 14 razze creato appositamente per l’Aston Martin DBR22, questi cerchi leggeri sono dotati di bloccaggio centrale derivato dal motorsport e disponibile in un’ampia gamma di colori.

Aston Martin DBR22

Il concept di design mostra anche un colore realizzato interamente su misura e sviluppato appositamente per l’occasione utilizzando “Paint to Sample”, un’opzione esclusiva disponibile tramite Q by Aston Martin.

L’abitacolo della vettura continua la fusione di approcci classici e contemporanei con molti componenti unici e un ampio uso sia di pelle che di fibra di carbonio a vista. Il nuovissimo cruscotto e gli eleganti display di infotainment danno il tono a un ambiente pulito e ordinato.

Pur prendendo ispirazione dalle auto da competizione del passato, l’Aston Martin DBR22 non è una vera auto da corsa. Pelli morbide e aromatiche avvolgono il cruscotto contemporaneo, i sedili ad alte prestazioni in fibra di carbonio e si estendono sopra la parte superiore delle portiere per creare un invitante accenno agli interni.

Da dietro i sedili si alzano le due “gobbe” che attenuano il flusso d’aria dietro la testa del guidatore e del passeggero. Nella parte posteriore, la DBR22 ha un’inconfondibile grafica luminosa orizzontale grazie alla sottile barra luminosa a tutta larghezza realizzata appositamente per lei.

Aston Martin DBR22

Sotto si trova un pannello perforato per consentire all’aria calda di uscire dalla coda. Questa parte è un altro punto culminante unico del design intrigante della DBR22. Insieme al diffusore integrato senza intoppi e alla coppia di terminali di scarico di grande diametro, la vettura concettuale vanta un’incredibile presenza su strada.

Con un’ampia gamma di opzioni disponibili attraverso Q by Aston Martin, i clienti hanno la possibilità di creare qualcosa di completamente unico. Oltre ai colori e alle finiture della vernice, alla grafica su misura fino alla fibra di carbonio colorata e ai materiali su misura sia per gli interni che per gli esterni, ogni vettura Q by Aston Martin può spingere i limiti del design e del desiderio ed è completamente costruita su misura per il cliente.

Il V12 biturbo riesce a sviluppare 715 CV e 753 Nm

Grazie a un potente propulsore V12 biturbo da 5.2 litri, la DBR22 offre delle prestazioni davvero di alto livello. Abbiamo una potenza di picco di 715 CV e 753 Nm che forniscono una propulsione sufficiente per permettere alla concept car di impiegare soli 3,4 secondi per passare da 0 a 96 km/h e di raggiungere una velocità massima di 319 km/h.

In modo dinamico, la DBR22 punta alla vera connessione con il pilota, con uno chassis perfezionato per offrire precisione, agilità e tattilità in egual misura. La calibrazione unica del motore e la trasmissione automatica a 8 velocità con palette al volante utilizzano la modellatura della coppia per dare alla vettura un modo e un’erogazione diversi da qualsiasi altro modello.

Aston Martin DBR22

Un piantone dello sterzo bloccato offre una maggiore precisione, ma fornisce anche un feedback più dettagliato in modo che il conducente possa costruire un quadro più accurato dell’aderenza disponibile.

L’attenzione è stata prestata anche alla struttura del telaio. Gli esclusivi pannelli anteriore e posteriore aumentano ulteriormente la rigidità torsionale, con una calibrazione su misura per gli ammortizzatori adattivi che fornisce precisione e flessibilità per una miscela di controllo del corpo e raffinatezza di guida che renderà l’auto un piacere assoluto da guidare, su strada o in pista.

Presenta anche un telaio ausiliario posteriore stampato in 3D. È la prima volta che il marchio britannico ha introdotto un metodo del genere. Il componente è costituito da più parti stampate in 3D in alluminio, che vengono quindi incollate per formare il telaio ausiliario finale.

I vantaggi sono evidenti, con un notevole risparmio di peso e nessuna riduzione della rigidità, oltre alla possibilità di realizzare parti speciali per modelli a bassissimo volume, ove richiesto.

Roberto Fedeli, Chief Technical Officer di Aston Martin, ha dichiarato che la tecnologia è stata fondamentale nella costruzione dell’Aston Martin DBR22, con un ampio uso di fibra di carbonio e della stampa 3D per la produzione di un componente strutturale.

In quanto tale, la DBR22 mette in mostra le capacità uniche di Aston Martin, con un design di livello mondiale combinato con un approccio agile e intelligente all’ingegneria e alla produzione. Per un’auto progettata per celebrare il programma di personalizzazione, gli sviluppi ingegneristici si traducono in un veicolo avvincente quanto il suo aspetto.

Marek Reichman, Chief Creative Officer di Aston Martin, ha aggiunto che l’intero team si è spinto ulteriormente, cercando di esprimere un nuovo futuro. Combinando questo approccio con processi, tecnologie e materiali avanzati, abbiamo effettivamente modernizzato il nostro DNA da corsa e creato un nuovo pedigree.

Il debutto pubblico della DBR22 avverrà durante il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach da venerdì 19 a domenica 21 agosto.

Aston Martin DBR22

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!