Ecco due Rolls-Royce elettriche

Rolls-ROyceLunaz, che si occupa dell’elettrificazione di vetture d’epoca, ha rivelato due nuove vetture che rimpolpano la line-up di vetture storiche già convertite ovvero le varianti elettriche delle Rolls-Royce Phantom V e Silver Cloud. Saranno disponibili solo 30 slot di costruzione in una selezione di stili di carrozzeria diversificata. I prezzi per una Silver Cloud partono da 350.000 sterline, tasse locali escluse, mentre per un Phantom si parte da 500.000 sterline. Secondo l’azienda, pare che la maggior parte delle vetture sia stata già ordinata.

Ogni veicolo elettrico non viene modificato nelle linee ma piuttosto viene sottoposto a un processo di restauro approfondito, la vera novità è che il suo propulsore tradizionale viene sostituito con un motore elettrico sviluppato internamente che produce 375 cavalli di potenza. Lunaz rivendica un’autonomia di oltre circa 400 chilometri proveniente da un pacco batteria da 80 kWh e un tempo per lo 0-100 km/h inferiore ai cinque secondi.

“È il momento giusto per una Rolls-Royce elettrica”, ha detto il fondatore dell’azienda David Lorenz. “Stiamo rispondendo alla necessità di unire un bel design classico con l’usabilità, l’affidabilità e la sostenibilità di un propulsore elettrico. Più che mai, stiamo soddisfacendo la domanda di poter disporre di aria pulita proveniente anche dalle auto più belle e lussuose della storia”.

L’azienda con sede a Silverstone offre già versioni elettrificate della Jaguar XK120, che sarà consegnata ai clienti verso la fine del 2020, della XK120 decappottabile e della XK140. L’azienda prevede di raddoppiare la produzione nel Regno Unito per soddisfare la domanda di conversioni su vetture storiche. Lunaz ha terminato i test e lo sviluppo delle Jaguar elettriche prima che il Regno Unito entrasse in lockdown il 23 marzo, prendendo successivamente ordini tramite consultazione video con i clienti. L’azienda afferma che il suo modello di business unico – fornire solo ai clienti con i quali ha un rapporto diretto esistente – l’ha protetta dai problemi che hanno colpito i produttori tradizionali durante la pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.