Il 18 luglio arriva la nuova Chevrolet Corvette C8

Chevrolet Corvette C8La data di presentazione della nuova Chevrolet Corvette C8 è stata fissata al prossimo 18 luglio, tuttavia questa ultima generazione cambierà radicalmente. Difatti la nota supercar dopo 66 anni di storia, passa all’alloggiamento centrale-posteriore per il motore. Una scelta che quasi sicuramente farà storcere il naso ai puristi del marchio.

Il cofano motore anteriore si presenta più corto di quello che avevamo sulle precedenti Corvette che risultava sempre molto lungo. L’abitacolo invece si trova in una posizione avanzata visto che il posteriore, che risulta particolarmente pronunciato, ospiterà il poderoso V8.

Ora quindi la nuova generazione della Chevrolet Corvette C8 intraprende la strada del posizionamento centrale-posteriore del motore. Un po’ come accade per quasi tutte le sportive ad alte prestazioni più diffuse al mondo. In questo modo la gestione della grande potenza sviluppata dal V8 diventa più semplice.

C’è da dire infatti che quella che era la versione più prestante della precedente Corvette C7, la ZR1 da 765 cavalli, aveva posto di fronte a tutti i limiti che la soluzione dell’installazione all’anteriore del motore con trazione al posteriore. Infatti gestire la potenza del motore stesso diventava particolarmente complicato. Con la nuova disposizione invece si potranno utilizzare potenze identiche o superiori con maggiore tranquillità, grazie anche ad un nuovo telaio in alluminio decisamente più rigido di quello precedente.

Inoltre pare che la nuova Chevrolet Corvette C8 disporrà di una nuova motorizzazione V8 capace di sviluppare fino a 500 cavalli. Tuttavia successivamente arriveranno potenze maggiori su motori più prestazionali in modo da far competere la Corvette con le varie Lamborghini Huracan o Ferrari F8 Tributo.

Infine sembra anche che sia allo studio una variante ibrida dotata di un motore elettrico, posto sull’asse anteriore, in grado di far raggiungere alla Chevrolet Corvette C8 una potenza vicina ai 1.000 cavalli. Bisogna quindi soltanto aspettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.