La Lotus Evija è la prima elettrica della casa

Lotus EvijaLotus ha presentato la sua prima hypercar elettrica, denominata Evija, la prima del nuovo corso intrapreso con l’acquisizione della storica casa inglese da parte di Geely. La vettura è esclusiva in tutto, a cominciare dalle sole 130 unità prodotte e vendute ad un prezzo di 1,7 milioni di sterline che con dazi e tasse significano circa 2 milioni di euro. La linea produttiva ha sede a Hethel, proprio dove Lotus ha la sua sede dal 1966.

La Lotus Evija è la prima vettura del marchio ad essere realizzata con telaio monoscocca in fibra di carbonio, realizzato in Italia dalla CPC, dal peso record di 129 chilogrammi. Il peso totale della Evija si attesta infatti in soli 1680 chilogrammi che la pone all’apice delle vetture elettriche per quanto riguarda la leggerezza.

Lo sviluppo dei motori elettrici è stato affidato a Williams Advanced Engineering, compresa la batteria da 2000 kW che fornisce energia ai quattro motori elettrici della Evija. Le prestazioni della vettura sono assolutamente incredibili grazie ad una potenza di 2000 cavalli e 1700 Nm di coppia che permettono di raggiungere i 100 km/h da fermo in meno di 3 secondi e i 300 km/h in 8,6 secondi. La velocità massima è fissata in 340 km/h. la vettura può essere domata contando su cinque differenti modalità di guida.

Poiché la batteria della Evija permette di ottenere una potenza di ricarica pari a 800 kW, appena saranno disponibili colonnine di ricarica di questo tipo la batteria raggiungerà la carica massima in appena nove minuti. Le forme esterne della vettura sono frutto di specifici studi aerodinamici ma inaugurano anche un nuovo stile per le future vetture di casa Lotus. Decisamente apprezzata è la zona posteriore con un grosso estrattore ma anche lo splitter anteriore a due piani con tre sezioni che convogliano l’aria sulla batteria e sui motori elettrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.