Fiat Centoventi, un concentrato di innovazione

Fiat CentoventiLa Fiat Centoventi è il prototipo appena presentato al Salone dell’Automobile di Ginevra e rappresenta una interessante citycar a 5 porte lunga 368 centimetri, dotata di carrozzeria a tre volumi. Il suo nome deriva da un omaggio dedicato ai primi 120 anni di attività di Fiat anche se la vettura anticipa alcune interessanti novità che vedremo poi sulle utilitarie della casa torinese.

La Fiat Centoventi rappresenta una vera e propria anteprima di quella che sarà la futura Panda, in arrivo il prossimo anno. Questo perché la Centoventi presenta delle linee strettamente legate a quelle della Panda e soluzioni facilmente proponibili su una citycar.

Le portiere che si aprono ad anta di armadio ad esempio rendono più agevole l’accesso a bordo e i fascioni in plastica possono essere sostituiti con semplicità in caso di urti, ma anche per intervenire sulla colorazione della carrozzeria.

La Fiat Centoventi risulta quindi decisamente votata alla praticità. La plancia è caratterizzata da una grande tasca ricca di elementi in grado di contenere qualsiasi oggetto. Inoltre può essere richiesto anche uno schermo da 20 pollici che gestirà il sistema multimediale oltre a mostrare lo stato di ricarica della batteria e diversi avvisi relativi agli aiuti alla guida.

Abbiamo quindi accennato che la Fiat Centoventi è alimentata elettricamente da batterie modulabili; è possibile infatti avere 100 km di autonomia che diventano 500 noleggiandone fino ad altre quattro. In questo modo la Fiat Centoventi diventa particolarmente indicata per le attività di noleggio, dove sostituire una batteria velocemente potrebbe essere un sistema molto interessante.

La strumentazione invece prevede uno schermo da 10 pollici e la plancia possiede un supporto utile a contenere uno smartphone di qualsiasi dimensione. Decisamente interessanti sono le soluzioni studiate per l’apertura del tetto che può essere integrato con adattatori in grado di contenere un pannello solare o un grande portaoggetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.