in

Idrogeno d’oro: il nuovo progetto più economico e sostenibile

Un’azienda sostiene di poter ottenere idrogeno più economico e rispettoso dell’ambiente dai giacimenti petroliferi.

Idorgeno d'oro Cemvita

Cemvita afferma di poter ottenere idrogeno più economico e più rispettoso dell’ambiente dai giacimenti petroliferi. Per fare ciò utilizza strumenti specifici che, attraverso il meccanismo anaerobico degli idrocarburi, lo generano nel sottosuolo.

L’idrogeno è stato indicato da molti come il futuro della sostenibilità energetica, anche se ci sono ancora molte sfide per renderlo possibile.

I progressi come il nuovo motore Loop Energy S1200 sono sicuramente un passo nella giusta direzione.

Idrogeno d’oro: il progetto di Cemvita

Idorgeno d'oro Cemvita

Quanto Cemvita Factory chiama idrogeno d’oro può cambiare completamente le cose. L’azienda specializzata in biologia sintetica, volta a invertire il cambiamento climatico, afferma di essere in grado di ottenerne senza la necessità di elettrolizzatori o di generare emissioni di carbonio durante il processo.

Per riuscirci, l’azienda adotterebbe i giacimenti petroliferi ormai inutilizzati , ma contenenti ancora combustibili fossili al loro interno. Secondo Cemvita, è possibile utilizzare batteri specifici per effettuare la cosiddetta digestione anaerobica, attraverso il quale si genera idrogeno nel sottosuolo.

Cemvita ha già completato una prima fase e iniziato ad attivarsi in un pozzo abbandonato. In esso, le concentrazioni di idrogeno sono triplicate .

Mentre l’anidride carbonica viene estratta anche durante l’estrazione dell’idrogeno, essa viene successivamente restituita al pozzo, risultando infine in una concentrazione di idrogeno puro di quasi il 100%.

Cemvita va oltre e assicura che un chilogrammo di idrogeno d’oro costerebbe circa 1 dollaro (circa 1 euro in questo momento). Attualmente, generarne 1 kg green costa circa 15 volte di più.

Prezzi dei carburanti

In pochissimo tempo hanno spostato i nostri microbi dal laboratorio al pozzo. L’erogazione nei test ha battuto le aspettative. Mentre proseguono gli studi, l’impresa prevede di raggiungere tassi traducibili in una produzione pari o inferiore a 1 euro/kg , ha affermato Zach Broussard, direttore di Gold H2 di Cemvita.

Per la società il ritrovamento potrebbe essere particolarmente prezioso per l’industria petrolchimica, poiché consentirebbe il riutilizzo di giacimenti già chiusi e non verrebbe apportato alcun beneficio. Tuttavia, restano da scoprire le performance ottenibili.

Oggi l’industria dell’H2 green vale circa 300 milioni di dollari, ma le previsioni parlano di 9,8 miliardi nel 2028.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!