in

Jeep Renegade: la prima immagine del SUV compatto

Ecco la prima immagine ufficiale di Jeep Renegade, la prossima uscita del marchio statunitense appartenente al gruppo Stellantis.

Jeep logo

Jeep Renegade è pronta a scaldare i motori in vista del ritorno nelle concessionarie. Qualche ora fa il gruppo Stellantis ha rilasciato per il mercato brasiliano il primo scatto ufficiale della nuova versione dello Sport Utility Vehicle compatto, il quale debutterà in America Latina nel corso del primo semestre del 2022. L’immagine di anteprima concessa non costituisce nulla di sconvolgente, in quanto la vettura immortalata resta completamente rivestita di pellicola mimetica. Di conseguenza, vi è solo la possibilità di provare a indovinarne lo stile estetico. A ogni modo, è altamente improbabile che avranno luogo clamorosi stravolgimenti. Si tratta, infatti, di un restyling e non di una nuova generazione, nel senso letterale della parola.

Jeep Renegade 2022: i dettagli dietro alla camuffatura

Jeep Renegade

Attraverso il contenuto inedito caricato sui canali ufficiali il conglomerato italo francese ha peraltro confermato le voci inerenti al propulsore. La futura uscita in commercio sarà mossa da un’unità turbo flex benzina/etanolo da 185 cavalli. Naturalmente, la notizia in questione riguarda solo e soltanto la versione sudamericana del SUV, mentre ancora nulla è trapelato sulle opzioni per la vettura destinata ad approdare sul suolo europeo.

Nel Vecchio Continente pare, comunque, assodata la conferma dei motori attuali, con possibili sorprese dietro l’angolo. In particolare, ci riferiamo all’eventuale arrivo di una variante Mild Hybrid. Qualora si prendesse tale decisione, l’intera compagnia ne trarrebbe beneficio, per via del messaggio implicito trasmesso ai conducenti. Da qui in avanti l’elettrificazione sarà una sfida che qualsiasi brand affronterà. E porre le basi per un radioso domani attesterebbe la sensibilità sul tema.

Le modifiche

Jeep Renegade

In termini, invece, di design, la Jeep Renegade 2022 prevedrà lieve modifiche anteriori e alla mascherina, dove le sette feritoie sembrano assottigliarsi in confronto al modello precedente. Purtroppo, dall’immagine diramata non riusciamo a scorgere nessun dettaglio relativo all’abitacolo. Eppure, delle immagini spia rivelate in passato avevano mostrato un abitacolo in linea con il precedente, seppur forte di una strumentazione completamente digitale.

In aggiunta, si immaginano dei perfezionamenti al software dell’infotainment e delle aggiunte ai sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida. In merito, già ora sappiamo che saranno disponibili sia la trazione anteriore sia la trazione integrale. Per quella anteriore, sarà implementata la c.d. Traction Control+. In buona sostanza, la soluzione consiste in una trazione atta ad agire in condizioni di bassa aderenza. Per un’esperienza al volante quanto più piacevole possibile, il marchio statunitense di Stellantis sta investendo le massime energie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.