La Lada Niva si rinnova per il 2020

Lada NivaHa il fascino di qualcosa di intramontabile. La nota Lada Niva non ha assolutamente bisogno di presentazioni. Parliamo di una fuoristrada semplicemente iconica, prodotta ininterrottamente dal lontano 1977 senza subire un gran numero di aggiornamenti nel corso degli anni. La fuoristrada russa è un vero e proprio mito per le sue linee iconiche ma soprattutto per la robustezza e l’affidabilità che la contraddistinguono.

Da noi in Italia non può essere acquistata ufficialmente, ma si trova di importazione a circa 16.000 euro. In Russia invece rappresenta una vettura assolutamente valida, presenza fissa tra gli acquirenti del grande Paese dell’est. Per il 2020 introduce quindi alcune piccole migliorie. La carrozzeria però rimane invariata, squadrata ed essenziale al punto giusto. Si può avere a tre porte, lunga appena 374 centimetri, o a cinque porte (per 424 centimetri). Sono nuove le sospensioni dotate di cuscinetti rinnovati che permettono di smorzare meglio le vibrazioni e c’è maggiore cura per l’isolamento acustico.

La variante per il 2020 della mitica Lada Niva permette di avere i poggiatesta sul divano mentre sui sedili anteriori ci sono nuovi fianchetti laterali. Sulla versione a tre porte c’è un nuovo meccanismo per ribaltare i sedili e permettere di accedere al divano più velocemente.

L’aggiornamento porta in dote una rinnovata consolle centrale, ora più lontana da quel look Anni ’70 anche se comunque rimane sempre abbastanza spartana. Non mancano le tre manopole per la temperatura e i flussi d’aria (che sostituiscono le tre leve), i pulsanti si integrano meglio e le bocchette dell’aria si trovano più in alto.

La parte bassa presenta ben due prese da 12 Volt e il cassetto per i documenti è più spazioso. I porta bottiglie sono disposti affianco alle leve del cambio e delle ridotte, invece che davanti alla leva del freno a mano. C’è inoltre un computer di bordo più ricco di funzioni posto sul cruscotto, un elemento che rappresenta forse l’unico sguardo verso la modernità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.