in

Lotus rilascerà quattro modelli EV entro il 2026

Lotus
Lotus

Lotus ha pubblicato la sua strategia elettrica. Tra il 2022 e il 2026 sono previsti quattro nuovi modelli elettrici, che saranno prodotti in un nuovo stabilimento in Cina che aprirà quest’anno. Un SUV elettrico è quello di iniziare. Nell’annuncio, il marchio di auto sportive britannico si riferisce ancora al SUV come “Type 132”. Sarà nel segmento E e sarà presentata nel 2022. Nel 2023 verrà poi presentata la “Type 133”, coupé quattro porte del segmento E. Nel 2025 sarà presentato un SUV elettrico di segmento D, finora denominato “Type 134”. La “Tipo 135”, che si concluderà nel 2026, sarà quindi una “nuova vettura sportiva elettrica”.

Lotus ha pubblicato la sua strategia elettrica

I quattro veicoli si basano sullaLotus Premium Architecture”, una piattaforma per veicoli completamente elettrica. Con un passo compreso tra 2,89 e 3,10 metri, dovrebbe consentire veicoli dai segmenti C+ a E. Le batterie – di dimensioni comprese tra 92 e 120 kWh – devono essere progettate per 800 volt e capacità di carica corrispondentemente elevate. Lotus non fornisce dettagli sullo spettro di potenza dei motori elettrici, ma i veicoli dovrebbero essere in grado di accelerare fino a 100 km/h in meno di tre secondi, il che parla di un sistema di trazione integrale con almeno due motori elettrici .

Questi “nuovi entusiasmanti modelli lifestyle di Lotus”, come le quattro gamme sono propagandate nell’annuncio, saranno costruiti nel nuovo stabilimento di produzione di Lotus Technology in Cina. L’hypercar Evija completamente elettrica e l’ultima auto sportiva a combustione interna del marchio, l’Emira, sono ancora prodotte nello stabilimento tradizionale di Lotus a Hethel, nel Regno Unito.

Che l’influenza dei cinesi su Lotus stia crescendo non è dimostrato solo dallo stabilimento cinese per i modelli di volume. Lotus Technology è una nuova business unit del Gruppo Lotus che “accelererà l’innovazione nelle batterie e nella gestione dell’energia, nei motori elettrici, nei sistemi di controllo elettronico, nella guida intelligente, nella produzione intelligente e altro” – in altre parole, svilupperà gli elementi fondamentali delle auto elettriche. Lotus Technology sta attualmente stabilendo la sua sede globale a Wuhan.

Lo stabilimento, anch’esso in costruzione a Wuhan, diventerà il “centro globale di eccellenza per i modelli premium lifestyle di Lotus”. L’impianto di produzione, che costa l’equivalente di circa un miliardo di euro, avrà una capacità di 150.000 veicoli all’anno e avrà anche una propria pista di prova.

Lo sviluppo e la produzione delle vetture sportive continueranno a svolgersi a Hethel e allo sviluppo sarà coinvolto anche il Lotus Technology Innovation Center di Raunheim, in Germania. Il team Lotus in Gran Bretagna coordinerà anche le vendite mondiali.

Lotus
Lotus

Ti potrebbe interessare: Lotus Emira: svelata la nuova sportiva

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *