in

Lotus Type 133 sarà l’auto più lussuosa del brand

Dovrebbe condividere diverse caratteristiche tecniche con la Polestar 5

Lotus Type 133 render Autocar

Sappiamo che Lotus sta lavorando a una berlina completamente elettrica che al momento è conosciuta con il nome in codice Lotus Type 133.

Sono già emersi i primi dettagli sul design in attesa del lancio previsto nel corso del 2023 e, nelle scorse ore, la casa automobilistica britannica ha confermato che sarà radicalmente diversa da qualsiasi suo modello precedente o esistente. Inoltre, sarà la prima berlina Lotus da quando la Carlton è stata tolta dal mercato nel 1992.

Lotus Type 133: la nuova berlina elettrica affronterà artisti del calibro di Porsche Taycan

Attraverso una serie di caratteristiche molto interessanti, la Type 133 sarà la diretta rivale di Porsche Taycan, BMW i4 e Mercedes EQE. Sarà anche molto simile alla cugina Polestar 5, che sarà in vendita circa un anno dopo nel 2024.

Secondo quanto affermato da Matt Windle – amministratore delegato di Lotus, le due auto saranno tangibilmente differenti, nonostante le origini condivise del Gruppo Geely. Alla domanda se l’auto può beneficiare del programma di sviluppo della Polestar 5 nel Regno Unito, Windle ha dichiarato ad Autocar che l’importante è mantenere individualità.

Non è ancora chiaro se le due vetture a zero emissioni condivideranno la piattaforma EV modulare di Geely, né se la Lotus Type 133 sarà disponibile con la configurazione quad-motor di Polestar da 886 CV di potenza. Windle ha dichiarato che la vettura sarà un po’ più raffinata e rappresenterà il vero lusso. Alle concessionarie del marchio britannico è stato già mostrato il progetto finale e l’ad ha affermato che c’è stato parecchio entusiasmo.

Matt Windle ha spiegato che Geely è molto flessibile e si sente a suo agio quando ci si lavora tutti insieme. Considerando che Lotus è un’azienda molto piccola e attualmente in fase di crescita, ha senso prendere le tecnologie dalle società sorelle.

Se ci si rivolge a un OEM per le parti, bisogna pagare per avere il privilegio di recarsi in officina e vederle. Grazie a Geely, ciò non accade. Questo è molto importante per una piccola casa automobilistica.

Allo stesso tempo le consociate di Lotus la stessa Geely si rivolgono a lei per lo sviluppo del gruppo propulsore, dell’EDM, dell’esperienza di guida e dell’handling. Sono molto più forti come gruppo, ma allo stesso tempo operano individualmente. È sicuramente un ottimo equilibrio.

Il suo nome commerciale inizierà con la lettera E

Ritornando alla Lotus Type 133, seguirà la strategia adottata dalla casa britannica di utilizzare un nome che inizia con la lettera E. Sarà un rivale più diretto della popolarissima Porsche Taycan, che i dirigenti del costruttore britannico hanno confermato come una delle principali vetture di benchmark usati durante lo sviluppo del SUV Lotus Eletre, nonostante i diversi posizionamenti sul mercato.

Gavan Kershaw di Lotus ha affermato che lo sviluppo dinamico dell’Eletre è stato un benchmarking della piattaforma EV piuttosto che dell’auto stessa e ciò permetterà di portare questa esperienza sulla Type 133 e sul futuro crossover Type 134.

Per il momento ulteriori dettagli sulla berlina elettrica rimangono un mistero, ma l’utilizzo della configurazione dual motor da 600 CV del SUV elettrico per il modello di lancio la posizionerebbe allo stesso livello della Porsche Taycan GTS, lasciando ampio spazio sia sopra che sotto per aggiungere in un secondo momento delle versioni più e meno potenti. A livello estetico, ci aspettiamo che la Lotus Type 133 prenderà in prestito alcuni spunti stilistici dall’Eletre, ma con un design generale diverso.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!