in ,

Volkswagen: si chiama V.MO il primo drone del Gruppo per 4 passeggeri

Volkswagen Group China ha presentato il suo primo prototipo di drone per il trasporto passeggeri elettrico a decollo e atterraggio verticale

eVTOL Volkswagen

Volkswagen Group China ha presentato il suo primo prototipo di drone per il trasporto passeggeri elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL), come parte della sua strategia per esplorare e aprire nuove strade in concetti di mobilità individuale completamente elettrici e sostenibili. Nel 2020, il Gruppo Volkswagen Cina ha lanciato un progetto di mobilità verticale per esplorare la prossima generazione di soluzioni di mobilità, compreso il mercato della mobilità aerea urbana e l’estensione del traffico urbano nello spazio aereo. Dopo un’intensa attività di ricerca, lavoro concettuale e sviluppo, il team di progetto ha ora sviluppato il suo primo modello di validazione: il V.MO. Questo prototipo iniziale è stato anche soprannominato la “Tigre volante” per la sua caratteristica livrea nera e dorata, che è stata dipinta per commemorare il suo lancio nell’Anno della Tigre.

Il concetto di prototipo si basa sulle soluzioni di guida autonoma esistenti e sulla tecnologia delle batterie per una mobilità senza emissioni. Con una lussuosa configurazione x-wing di 11,2 m di lunghezza e una larghezza di 10,6 m, il modello è dotato di otto rotori per il sollevamento verticale e due eliche per il volo orizzontale. Il Gruppo condurrà diversi test di volo entro la fine dell’anno per ottimizzare il concetto e un prototipo migliorato sarà sottoposto a ulteriori voli di prova avanzati entro la fine dell’estate 2023. Nella sua ultima versione futura, l’eVTOL di casa Volkswagen completamente elettrico e automatizzato potrebbe eventualmente trasportare quattro passeggeri più bagagli su una distanza nell’ordine dei 200 km.

Stephan Wöllenstein, CEO di Volkswagen Group China, ha dichiarato: “Attraverso questo progetto pilota, stiamo portando la lunga tradizione Volkswagen di ingegneria di precisione, design e innovazione a un livello superiore, sviluppando un prodotto premium che soddisferà le esigenze di mobilità verticale dei nostri futuri clienti cinesi esperti di tecnologia”. Parliamo comunque di un progetto pionieristico che il team di esperti cinesi del Gruppo Volkswagen ha avviato da zero, mentre ora si attende la completa industrializzazione del concept proposto.

eVTOL Volkswagen

La sezione cinese del Gruppo Volkswagen sta espandendo sempre di più le proprie competenze

Volkswagen Group China sta espandendo rapidamente le competenze locali di ricerca e sviluppo e software per rispondere più rapidamente a ciò che i clienti desiderano e accelerare significativamente il ritmo dell’innovazione. Il progetto Vertical Mobility richiede un pensiero interdisciplinare e innovativo in un nuovo campo e il Gruppo Volkswagen ha formato un team di giovani esperti locali per portarlo avanti. Sono stati supportati da partner cinesi tra cui Hunan Sunward Technology, una sussidiaria del gruppo di produzione Sunward con sede in Hunan. L’azienda è specializzata nello sviluppo, nella vendita e nei servizi di prodotti aeronautici ed è leader di mercato nel settore degli aeromobili sportivi leggeri.

La mobilità aerea urbana è un mercato in rapida espansione che mira a utilizzare lo spazio aereo per i collegamenti a breve e media distanza, in particolare sopra e tra le grandi città. In Cina, è destinato a svolgere un ruolo significativo nel futuro del trasporto urbano e interurbano nelle sue megalopoli congestionate. Nella prima fase del suo utilizzo commerciale, è probabile che il V.MO di Volkswagen venga presentato come un prodotto premium per i clienti cinesi esperti di tecnologia con un patrimonio elevato, ad esempio per i servizi di navetta aerea VIP. I veicoli aerei eVTOL saranno in grado di trasportare passeggeri in modo più rapido ed efficiente rispetto agli attuali mezzi di trasporto terrestre convenzionali e con maggiore flessibilità. Con lo sviluppo del progetto di mobilità verticale, il Gruppo Volkswagen Cina lavorerà con le autorità cinesi competenti per ottenere la certificazione.