in

Alfa Romeo 2022: cosa aspettarsi dal nuovo anno

Mossa da ambizioni di rilancio, la gamma Alfa Romeo 2022 avrà il compito di dare avvio al nuovo corso decretato dal gruppo Stellantis.

Alfa Romeo logo

Che l’Alfa Romeo abbia vissuto periodi migliori nella sua lunghissima storia lo sanno a momenti pure i sassi. I dati commerciali del 2021 non hanno fatto altro che confermare una realtà emersa già in maniera piuttosto nitida. Forse l’entità del crollo è andata oltre le ipotesi, e proprio da qui deve ripartire il Biscione. L’amministratore delegato del gruppo italo francese Stellantis, Carlos Tavares, ha anzitempo espresso apertamente l’intenzione di riportare la Casa automobilistica di Arese ai fasti di un tempo. Di certo, per centrare l’obiettivo occorrerà tempo. Ma le Alfa Romeo 2022 avranno perlomeno il compito di dare una bella rinfrescata a un portafoglio prodotti incapace, almeno finora, di convincere a pieno.

Le novità del nuovo anno si focalizzano su un unico nome, vale a dire il SUV compatto Alfa Romeo Tonale. Si tratterà di un evento epocale, da tramandare ai posteri. Difatti, segnerà il passaggio del brand all’elettrificazione e darà il via alla offensiva del conglomerato nato dalla fusione tra FCA e PSA. Un’offensiva inerente al top di gamma che – a detta dell’attuale amministratore del marchio, Jean-Philippe Imparato – vedrà l’approdo di una nuova vettura da qui al 2026. Insomma, invece della quantità le energie dei tecnici convoglieranno sulla qualità. Avete presente il detto “poche ma buone”? Ecco, questa massima calza a pennello in siffatta circostanza.

Alfa Romeo è il marchio che, insieme a Lancia e DS, costituisce la proposta premium di Stellantis. Ed è sul punto di dare a Giulia e Stelvio delle compagne di viaggio, differenti tanto nello stile quanto nelle dimensioni. Andiamo, dunque, a esaminare le papabili new entry nel “menù” dell’Alfa Romeo per il 2022.

Alfa Romeo 2022 Tonale

Alfa Romeo Tonale

Da tre anni lo attendevamo, e lo attendevano tutti coloro che seguono con trasporto e passione le vicende del Costruttore. Finalmente, dalle parole si passerà a un veicolo “concreto”, da toccare con mano. La concept car venne presentata in occasione del Salone di Ginevra, un appuntamento capace di segnare l’ingresso dell’azienda nel contesto dell’elettrificazione.

Non è stata una gestazione facile. A ogni modo, l’importante è il presente e il debutto è pressoché dietro l’angolo. Lo lascia presagire la miriade di muletti avvistati dentro e fuori dallo stabilimento di Mirafiori. Delle prove che attestano l’affidabilità delle indiscrezioni trapelate in merito.

Le stesse indiscrezioni stando alle quali nascerà su una piattaforma a trazione anteriore: il cosiddetto pianale Small Wide di FCA, introdotto per le Jeep Compass e Renegade. Ciò segnerà il ritorno alla trazione anteriore, provvisoriamente lasciata da parte con l’uscita di scena di MiTo e Giulietta. Inoltre, approderà una motorizzazione ibride plug-in già contemplata nell’assortimento Jeep.

In considerazione della base, la lunghezza si attesterà presumibilmente sui 4,5 metri, con passo entro i 2,7 m. La fabbricazione avrà luogo nel centro di Pomigliano d’Arco, mentre la première è prevista intorno a metà anno, da comunicazione delle parti. A dispetto del prototipo, il modello definitivo avrebbe comunque saltato il salone di Ginevra.

Giulia/Stelvio serie speciale

Alfa Romeo Stelvio

Lo abbiamo detto e ripetuto: la Tonale avrà un ruolo da protagonista nel calendario delle Alfa Romeo 2022. Eppure, non è da scartare a priori il reveal di edizioni speciali di Giulia e Stelvio, specialmente alla luce del positivo riscontro popolare. Per il 2021, il Biscione ha confezionato delle affascinanti limited edition della Stelvio, denominate Villa d’Este (estesa pure a Giulia) e GT Junior. Nomi e colori evocativi del passato e, per capitalizzare l’effetto nostalgia, la prossima potrebbe essere la Montreal. Chissà.

Brennero

Alfa Romeo Brennero

Chiudiamo con l’Alfa Romeo Brennero, il terzo Sport Utility Vehicle, destinato a sviluppare ulteriormente la gamma verso il basso, collocandosi nel filone dei B-SUV che tanto stanno ben figurando. Probabilmente approderà nel 2024, con presentazione nel 2023. La speranza è di avere già nel ’22 una sorpresa, sotto forma di concept car o semplice teaser.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.