in

Alfa Romeo Giulia cabrio: il render invita a sognare

Ascariss Design ha provato a immaginare come sarebbe la nuova Alfa Romeo Giulia in versione cabrio: il risultato è incantevole.

Alfa Romeo Giulia

Da diversi anni in commercio, Alfa Romeo Giulia avrà una seconda generazione. Non c’è modo di brindare alla bella notizia che tanto gli addetti ai lavori quanto il popolo della rete volano sulle ali della fantasia, proponendo nuove varianti del modello che, nel corso della sua longeva e luminosa storia, si è aggiudicato parecchi riconoscimenti.

Alfa Romeo Giulia: Ascarissa Design la immagina in versione cabrio

Alfa Romeo Giulia

A onor del vero, l’ultima ipotesi appare abbastanza improbabile, ciononostante crediamo renda bene l’idea delle notevoli speranze riposte nella Alfa Romeo Giulia. Le pressioni esercitate dal pubblico costituiscono un pesante fardello con il quale la Casa automobilistica italiana è chiamata a fare i conti.

Un bene da una parte perché significa avere l’interesse della platea, un male dall’altra, sicché si sfocia nell’utopia. La rappresentazione virtuale fuoriuscita è di Ascariss Design, che ha cercato di immaginare quale aspetto assumerebbe la macchina nella versione cabrio, laddove approdasse clamorosamente in commercio.

Il sogno rimarrà quasi sicuramente nel cassetto: i segmenti chiave per la politica commerciale del Biscione sono altri

Alfa Romeo Giulia

Poco ma sicuro, l’immagine della vettura alimenta le speranze e in rete in tanti si interrogano sul perché l’idea di una Giulia Spider non venga effettivamente presa in considerazione. Dalle dichiarazioni rilasciate da Jean-Philippe Imparato gli sforzi sembrano, infatti, completamente volti allo sviluppo di un portafoglio di SUV ricco e ben articolato. Forse spezzare un po’ la monotonia contribuirebbe ad attirare una clientela per ora lontana dall’orbita del brand italiano.

In fin dei conti, un veicolo del genere andrebbe incontro alla tradizione di Alfa Romeo. Eppure, le probabilità di vederla un giorno materializzarsi nei punti vendite sono francamente ridotte al lumicino. Ciò poiché le cabriolet occupano al giorno d’oggi una quota limitata di mercato che, di anno in anno, si fa sempre più una piccola nicchia. Della seconda generazione già comunicata è noto giusto un dettaglio (si fa per dire…): l’alimentazione sarà esclusivamente elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.