Brabham BT62, il ritorno di un mito

Brabham BT62C’è un nome veramente mitico che ritorna in auge. Parliamo di Brabham che col brand Brabham Automotive, fondato da David Brabham figlio del celeberrimo Sir Jack Brabham tre volte iridato di Formula Uno, torna sulla scena con una vettura sportiva ad altissime prestazioni appena presentata, la Brabham BT62. Si ricorda che invece il team di Formula Uno, fondato da Jack Brabham nel 1962, riuscì a totalizzare ben quattro titoli mondiali come costruttore.

L’avventura della Brabham Automotive passa attraverso la produzione di automobili in serie limitata.

La prima vettura è proprio la già citata Brabham BT62 che rappresenta una vettura sportiva per l’utilizzo esclusivo in pista che dichiara 972 chilogrammi alla bilancia e ben 710 cavalli. Il concetto espresso è quello di una sportiva davvero ben fatta dalle prestazioni molto elevate. Dietro ai sedili trova posto un motore aspirato da 5.4 litri con disposizione V8 dei cilindri abbinato ad un cambio sequenziale a 6 marce con trazione sulle ruote posteriori. La posizione del motore contribuisce a garantire un ottimo bilanciamento dei pesi che viene ripartito in questo modo per il 41% all’anteriore mentre il restante 59% sull’asse posteriore.

La lunghezza della Brabham BT62 risulta nel complesso contenuta se si pensa che raggiunge solo 446 centimetri mentre l’aerodinamica gode di una cura particolarmente elevata; la grande ala posteriore è in grado di generare un carico aerodinamico di 1.200 chilogrammi! La scocca è realizzata in fibra di carbonio mentre gli pneumatici Michelin sono quelli utilizzati per le corse in pista. Gli esemplari totali della Brabham BT62 saranno soltanto 70, tutti prodotti in Australia, acquistabili sborsando un milione di sterline (che significano 1,14 milioni di euro). Nel prezzo sono esclusi optional e tasse mentre è incluso un programma di guida svolto direttamente da Brabham Automotive. Le prime 35 Brabham BT62 avranno la stessa livrea utilizzata dalle Brabham che hanno vinto 35 GP in Formula Uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *