in

Cruise ha sviluppato i propri chip per veicoli a guida autonoma

Il futuro robotaxi Origin utilizzerà chip sviluppati internamente

Cruise

Cruise di General Motors ha sviluppato i propri chip per i prossimi veicoli a guida autonoma. L’azienda aveva acquistato i suoi chip da Nvidia, ma il suo prossimo robotaxi Origin utilizzerà chip sviluppati internamente, ha detto a Reuters il capo dell’hardware Carl Jenkins in una recente intervista.

Cruise ha deciso di sviluppare da sola i propri chip per la guida autonoma

“Due anni fa, stavamo pagando molti soldi per una GPU di un famoso fornitore”, ha detto Jenkins. “Non c’è trattativa perché siamo un volume minuscolo. Non potevamo negoziare affatto. Ecco perché ho detto, ok, allora dobbiamo prendere il controllo del nostro destino.”

Mentre Jenkins ha rifiutato di dire quanto Cruise ha investito nello sviluppo dei propri chip, ha affermato che la società ne recupererà il costo aumentando la produzione di auto che utilizzano più chip. L’amministratore delegato di Cruise Kyle Vogt ha aggiunto che i chip aiuteranno l’ Origin “a raggiungere quel punto debole dal punto di vista dei costi” nel 2025, sottolineando che renderanno praticabile la proprietà privata di veicoli autonomi.

Quattro chip sono stati sviluppati internamente da Cruise. Il primo è soprannominato Horta e funge da cervello dell’auto mentre il secondo, Dune, elabora i dati dai sensori di un veicolo. È stato sviluppato anche un chip separato per il radar e i dettagli sul quarto chip saranno annunciati in un secondo momento. Resta inteso che questi sensori e chip ridurranno il consumo energetico dei veicoli di Cruise.

Cruise
Cruise di General Motors ha sviluppato i propri chip per i prossimi veicoli a guida autonoma

Il leader del silicio di Cruise, Ann Gui, afferma che la società tecnologica sta lavorando con un produttore di chip in Asia per produrre i suoi nuovi chip su larga scala, senza nominare il produttore di chip. Ha aggiunto che il chip Horta si basa sull’architettura del set di istruzioni ARM, ma ha notato che Cruise sta esaminando il sistema RISC-V open source per sviluppi futuri.

Ti potrebbe interessare: Volkswagen-Bosch: arriva l’ok per il via ai lavori sulla guida autonoma

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!