in

Porsche, il Cayenne non basta: si pensa a un maxi-crossover

Oltre al Cayenne, oltre a ogni immaginazione. La Porsche sta pensando a un maxi-crossover, già illustrato alle concessionarie.

Porsche Cayenne

Se qualcuno ha da opinare sulle dimensioni del Cayenne, Porsche ha intenzione di mettere a tacere ogni critica. In che modo? Attraverso un nuovo suv ancora più voluminoso. Per il momento ci aggiriamo semplicemente nel campo dei rumor, delle idee di stile anticipate alle concessionarie del marchio premium negli Stati Uniti. Le indiscrezioni emerse nell’arco delle scorse ore dipingono il futuro progetto come un maxi-crossover, inteso quale assoluto mix di carrozzeria. Non esattamente uno Sport Utility Vehicle, bensì qualcosa di differente. A proposito del tam-tam mediatico, i portavoce della compagnia di Stoccarda hanno voluto effettuare delle precisazioni, riportate da Automotive News: le soluzioni analizzate sono state presentate sotto forma di rendering e non vi sono garanzie sugli sviluppi futuri.

Porsche: la nuova sfida raccolta dalla compagnia

Porsche logo

Premesso ciò, sarebbe qualcosa di piuttosto anomalo anticipare ai rivenditori un qualcosa di fine a sé stesso, senza riscontri concreti nella realtà. Se il presunto maxi-crossover uscirà allo scoperto, sarà solamente dopo il 2025 e, manco a dirlo, otterrebbe in dote soluzioni elettrificate. Lo spazio a bordo si tradurrebbe in 6-7 posti, disposti su tre file.

Dimensioni di oltre 5 metri? Quando l’imponenza su strada e brio in pista vanno all’unisono

Porsche sede

Con il Cayenne al momento sui 4.92 m di lunghezza, ipotizzare un crossover di dimensioni maggiori potrebbe voler dire sfondare i 5 metri. D’altra parte, si sa che, in considerazione di un’architettura nativa per le vetture “alla spina”,  gli interni se la vedrebbero con maggiori ingombri rispetto a una soluzione equivalente sviluppata però intorno a un’unità termica.

Se il modello troverà ufficialmente conferma, la Casa automobilistica esplorerebbe un sentiero fin qui inedito e raccoglierebbe il guanto di sfida già lanciato da “certe” sue connazionali. L’obiettivo è di interpretare la funzionalità in ottica sportiva, di coniugare spazio, imponenza su strada e piglio dinamico. Così facendo, avrebbero di che festeggiare soprattutto i padri di famiglia, amanti della velocità: in un sol colpo soddisferebbero ciascuna esigenza.