in

Porsche vuole utilizzare ologrammi 3D per comunicare con altre auto

Porsche ha escogitato un modo per rendere gli ologrammi 3D una possibilità per aiutare le auto a comunicare con gli altri utenti della strada

Porsche logo

Secondo un nuovo brevetto scoperto di recente presso l’Ufficio tedesco dei brevetti e dei marchi (DPMA), Porsche ha escogitato un modo per rendere gli ologrammi 3D una possibilità praticabile per aiutare le auto a comunicare con gli altri utenti della strada.

Porsche deposita brevetto di tecnologia che usa ologrammi 3D per comunicare con gli altri utenti della strada

Il sistema di ologrammi di Porsche è reso possibile dai progressi nell’elaborazione del segnale digitale e nella microelettronica e probabilmente deriva dalla loro ricerca sui sistemi di display head-up (HUD) basati su ologrammi. Secondo il documento di brevetto, il proiettore sarà ridimensionato per essere quasi invisibile sul tetto di un veicolo e un modulo di controllo compatto nell’auto può gestire l’elaborazione dei dati visivi.

Se questo sistema dovesse raggiungere il mercato, sarà probabilmente montato prima sulla elettrica Porsche Taycan per aggiungere un identificatore visivo extra come compensazione per la corsa quasi silenziosa del veicolo elettrico.

Secondo i disegni del brevetto, l’unità del proiettore olografico consiste in un piccolo modulo appollaiato al centro del tetto dell’auto illustrata, molto simile a un’antenna radio satellitare, solo più piatta. Nella domanda di brevetto, Porsche afferma che il proiettore dell’ologramma è modellato per essere vantaggioso per l’aerodinamica del veicolo.

Il modulo del proiettore ha il compito di generare l’immagine 3D sopra il tetto del veicolo impiegando un’orda di minuscoli elementi che emettono laser per costruire singoli pixel, che possono coprire l’intero RGB (un modello di colore in cui rosso, verde e blu sono i colori primari) a una frequenza di visualizzazione estremamente elevata.

Porsche
Porsche ha escogitato un modo per rendere gli ologrammi 3D una possibilità per aiutare le auto a comunicare con gli altri utenti della strada

La vera magia avviene sotto la pelle dell’auto, dove il processore di immagini ad alta velocità del proiettore 3D può generare varie immagini su richiesta. Il brevetto menziona la proiezione di avvisi di pericolo stradale ad altri automobilisti e il mirroring degli indicatori di direzione e dei segnali dei freni dell’auto, insieme a bolle di testo e altri simboli di comunicazione predefiniti.

Ti potrebbe interessare: Porsche Cayenne 2023, tutti i dettagli: esterni, interni, tecnologia, prezzi, uscita

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!