Presentata la nuova BMW Z4

A Pebble Beach BMW ha presentato la sua nuova spider: parliamo della interessante BMW Z4M40i First Edition. Nella denominazione del nome insiste il fatto che si tratta di una specialissima versione di lancio di questa terza generazione della spider bavarese.

Questa BMW Z4 rappresenta la modernizzazione del classico concetto di roadster. Sicuramente la nuova BMW Z4 porta con sé una serie di caratteristiche veramente al top, in grado di offrire grandi qualità per quanto riguarda il comportamento su strada e ovviamente anche le prestazioni. Ne consegue che la posizione di guida sia particolarmente raccolta e la gestione dei pesi prevede una perfetta ripartizione dei valori percentuali tra i due assi. Particolarmente ampie anche le carreggiate e un passo invece che risulta molto contenuto.

Il sistema sospensivo prevede sospensioni con ammortizzatori a gestione elettronica mentre l’impianto frenante M-Sport riduce i tempi di arresto; il differenziale è anch’esso a gestione elettronica del tipo M-Sport. Il motore a 6 cilindri da 340 cavalli prevede invece un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 4,6 secondi, con consumi nell’ordine dei 14 chilometri percorribili con un litro.

Il frontale presenta un disegno totalmente rinnovato visto che i due fari anteriori sono ora disposti quasi verticalmente e nella forma ricordano quella tondeggiante dell’intera vettura e si raccordano anche alla fiancata stessa. Complici le grandi aperture laterali e un cofano spiovente, l’immagine generale risulta particolarmente penetrante e sportiva. La capote torna invece in tessuto con particolari di stile come i gusci neri degli specchietti retrovisori, i cerchi in lega da 19 pollici e spoiler posteriore.

All’interno trovano posto rivestimenti in pelle e cuciture a vista oltre alle immancabili regolazioni dei sedili elettricamente con memorizzazione delle posizioni di maggiore utilizzo.

Per saperne di più, soprattutto dal punto di vista tecnico bisognerà però aspettare il 19 settembre, prima del Salone di Parigi. Per comprarla invece ci sarà da aspettare la primavera dell’anno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.