in

12 appuntamenti con la storia dell’Alfa Romeo al Museo di Arese

Il Museo Alfa Romeo annuncia 12 convegni “Backstage” per celebrare i tanti anniversari del 2023

La Quadrifoglio, l’Autodelta, la Giulia Sprint GT, Giuseppe Busso e i trionfi nel DTM. Sono solo alcuni degli aspetti su cui il Museo Alfa Romeo di Arese punterà con speciali presentazioni ogni mese del 2023. Una tradizione iniziata circa quattro anni fa, quando i gestori del Museo hanno creato una collezione parallela di oggetti rari, documenti, ma anche prototipi che fanno luce su aspetti inediti delle storie che hanno costruito la leggenda dell’Alfa Romeo.

Il Museo Alfa Romeo annuncia 12 convegni “Backstage” per celebrare i tanti anniversari del 2023

Il primo appuntamento di quest’anno inizia con una giornata dedicata alla 8C Competizione, che segna i 20 anni dalla sua prima presentazione al Salone di Francoforte, e prosegue a febbraio con il 40° compleanno di uno dei modelli più apprezzati del marchio, l’Alfa 33. La primavera sarà ricca di storie che piacciono a tutti gli appassionati di Alfa Romeo: il 60° anniversario del leggendario reparto corse Autodelta, il 110° anniversario della nascita di Giuseppe Busso e il 30° compleanno della 155 che ha battuto tutti i record nell’istituzione tedesca della DTM.

A partire da questa estate, il Museo svelerà il lato inedito del Quadrifoglio, dalla sua apparizione nel 1923 alla Targa Florio, alla sua evoluzione attraverso vetture da corsa e di serie. Poi, due aspetti meno noti, come la produzione di mezzi pesanti da parte dell’Alfa Romeo, ma anche il trasferimento della sua produzione in Brasile sveleranno un’altra pagina della storia del marchio.

A settembre toccherà a Montreal, mentre a ottobre gli esperti del Museo si occuperanno della collaborazione di Alfa Romeo con la Carrozzeria Zagato. A novembre un altro anniversario importante, quello dei 60 anni dalla creazione della Giulia Sprint GT, inviterà al museo gli amici del marchio, mentre la chiusura dell’anno sarà dedicata alla storia dell’Alfa Romeo, dove la produzione è stata trasferita dal Portello (Milano) in altri stabilimenti temporanei.

Alfa Romeo

Ex dipendenti dell’azienda, storici, giornalisti e piloti parleranno del lato invisibile. In totale, dal 2019 quando sono iniziati gli eventi fino ad oggi, hanno partecipato più di 80 special guest che hanno accompagnato con le loro storie auto, prototipi, ma anche materiali rari dell’archivio del brand. La partecipazione agli eventi è gratuita per tutti i visitatori del museo, mentre maggiori informazioni sull’accesso e sul programma sono disponibili sul sito ufficiale: www.museoalfaromeo.com

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo sale sul palco del Motor Show di Bruxelles 2023

Looks like you have blocked notifications!