Mercedes eCitaro, per un trasporto pubblico sempre più verde

Il bus elettrico della Casa di Stoccarda, Mercedes eCitaro, è ormai davvero prossimo all’ingresso in Italia. Proprio Mercedes sta implementando diverse soluzioni tecniche pensate per permettere alle aziende legate al trasporto pubblico di evolvere il loro parco macchine per un agevole passaggio dalle flotte alimentate a gasolio verso veicoli full electric. Per fare ciò prevede un approccio finalizzato in due possibili tappe, bus ibridi e bus a metano.

Alla base dell’idea di Mercedes e della divisione Daimler Buses ed EvoBus c’è il concetto di eMobility che il nuovo eCitaro vuole esprimere essendo un veicolo “traghettatore” per trasferire le aziende del trasporto pubblico verso la completa mobilità elettrica.

Le esigenze analizzate dalla Casa tedesca vengono messe in pratica attraverso elementi simulati che calcolano il fabbisogno energetico e le caratteristiche che ogni autobus elettrico dovrebbe quantomeno possedere. Ne deriva quindi uno studio specifico con calcoli che interessano i consumi in maniera minuziosa ma anche le infrastrutture necessarie per la corretta gestione delle ricariche di elettricità.

Daimler ha affermato che proprio il Mercedes eCitaro sarà in grado di sostituire tutti gli autobus utilizzati fino ad ora con motori ad alimentazione standard. Oggi però l’eCitaro è in grado di ricoprire solamente circa il 30% delle normali tratte urbane nell’attesa che possa proseguire lo sviluppo delle batterie e quindi possa aumentare in questo modo l’autonomia chilometrica. Parallelamente a questo auspicato sviluppo delle batterie verrà proposta una versione articolata del Mercedes eCitaro, capace di ospitare più passeggeri, e anche una versione a lungo raggio alimentata a idrogeno.

In termini di sicurezza il Mercedes eCitaro prevede gli efficaci Sideguard Assist e il Preventive Brake Assist; nel primo caso viene costantemente monitorato il lato destro del veicolo, prevenendo le collisioni, mentre il secondo prevede una frenata di emergenza in caso di ostacoli improvvisi. Staremo a vedere, di certo sembra che il trasporto pubblico possa aprire ottime strade alla mobilità elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *