A dicembre 2018 sono cresciute le immatricolazioni

Fiat PandaLe immatricolazioni di nuove auto in Italia sono cresciute a dicembre 2018, risollevando un mercato che registrava da tre mesi un importante calo. L’aumento è infatti pari all’1,96% che significa ben 124.078 nuove immatricolazioni, rispetto a quello registrato a dicembre 2017. Dicevamo invece che le immatricolazioni negli ultimi tre mesi dell’anno erano scese del 25,2% a settembre, del 7,2% a ottobre e del 6,3% a novembre. Di conseguenza nel 2018 il mercato delle immatricolazioni in Italia ha perso il 3,1% rispetto al 2017.

Pare che la situazione non dovrebbe essere particolarmente differente in questo 2019, almeno in base alle previsioni degli osservatori.

Per quanto riguarda FCA, quest’ultimo dicembre non è stato di certo un mese particolarmente felice visto che le perdite in termini di immatricolazioni risultano pari all’1,1%. Tuttavia la sola Fiat registra un calo del 14,29%. Il secondo gruppo che ha immatricolato di più a dicembre (il 24,62% in più) è stato Volkswagen che ha staccato PSA riuscita a posizionarsi terza, grazie anche ai suoi quattro marchi tutti cresciuti rispetto all’anno precedente con un incremento del 13,67%.

Dietro troviamo Renault con 14.336 vetture vendute, Toyota con 5.432 e Daimler (Mercedes e Smart) con 5.790 auto. Tornando a FCA le immatricolazioni hanno subito un calo del 10,37% in tutto il periodo gennaio-dicembre 2018 ciò nonostante gli ottimi risultati dei rivali come PSA che ha incrementato le vendite del 33,01% o Volkswagen (+7,24%). Chiudono male il 2018 anche Renault e Ford che perdono rispettivamente il 2,59% e il 3,40%.

Tuttavia un primato per Fiat c’è ed è quello dell’auto più venduta in Italia nell’ultimo anno, parliamo della Fiat Panda con 124.266 immatricolazioni posizionatasi davanti alla Renault Clio, Fiat 500X e Lancia Ypsilon. Un ultimo dato riguarda invece la tendenza ad acquistare meno auto diesel; nel 2018 in Italia sono state vendute meno auto diesel rispetto al 2017, con un valore negativo pari al 19,00%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.