A Gennaio 2019 il mercato dell’auto è in flessione

Mercato Auto Gennaio 2019Il mercato dell’auto in questo primo avvio d’anno ha presentato una flessione negativa. Si legge così dai dati riportati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti visto che viene registrato un calo del 7,6% proprio a gennaio 2019. Difatti rispetto a gennaio 2018 sono state immatricolate meno vetture nuove, 164.864 rispetto alle 178.326 dello scorso anno.

Il nuovo sistema bonus-malus introdotto con la Legge di Bilancio e in vigore da marzo prossimo, ha provocato probabilmente una certa incertezza nei possibili nuovi acquirenti.

Addirittura l’Associazione delle case automobilistiche estere (UNRAE) stima un 2019 in assoluta flessione, stimando la perdita nell’1,1%, grazie anche alla difficile situazione economico finanziaria.

Il calo maggiore si registra tra le vetture con motorizzazione diesel. Queste perdono infatti, solamente a gennaio, un terzo dei volumi. Pare addirittura che molte nuove vetture diesel immatricolate in Italia vengono destinate al mercato dell’usato in altri Paesi europei nel giro di pochissimi mesi. Addirittura in Bulgaria sono oltre 100.000 le unità esportate nei primi 9 mesi dell’anno appena trascorso. Di conseguenza la flessione delle vetture diesel a gennaio 2019 è pari al 31,4%.

Ciò che cresce è invece il mercato delle ibride e delle vetture alimentate a benzina. Oggi infatti queste tipologie di vettura hanno raggiunto una quota di mercato pari al 45,1%, con un incremento dei volumi pari al 27,8% rispetto a gennaio 2018. Oggi le vetture ibride occupano più del 5% del mercato. Soltanto a gennaio 2018 le ibride registravano un incremento del 51%.

Nonostante le vetture elettriche siano comunque le principali destinatarie del bonus introdotto dall’attuale Governo, registrano una crescita non particolarmente elevata pari soltanto al 9,3%. Infatti ancora oggi ricoprono soltanto lo 0,2% della quota di mercato. Tuttavia crescono le vendite delle vetture a GPL che registrano un aumento dell’8,2% con una quota di mercato pari al 7,3%. Giù invece il metano che scende all’1% del mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.