Aston Martin svela la sua prima auto ibrida

Il primo modello ibrido plug-in di Aston Martin è una supercar. Si chiama Valhalla, un nome della mitologia norrena. La scheda tecnica non ha nulla a che vedere con quella annunciata in un primo momento. Mentre Aston Martin aveva parlato di un nuovo V6 sviluppato internamente, il produttore si è affidato ancora una volta al V8 biturbo da 4,0 litri di Mercedes-AMG. Sviluppa qui 750 CV. Di Aston Martin è invece il cambio a doppia frizione a 8 rapporti.

Il V8 è abbinato a due motori elettrici, uno su ciascun asse. La potenza massima cumulativa è di 950 CV. La velocità massima è di 330 km/h e lo 0-100 km/h si raggiunge in 2,5 secondi. Il marchio punta decisamente a un record sul Nürburgring. In modalità 100% elettrica, il veicolo è a trazione anteriore. Per le altre modalità abbiamo una trazione integrale, con una distribuzione della potenza che può variare in base alle condizioni di aderenza. Tutto può essere inviato anche sul retro.

Non conosciamo la capacità della batteria, ma sarà piccola perché Aston Martin promette solo 15 km di autonomia elettrica. Diremo che questo è un buon inizio, che consentirà alle emissioni di CO2 nel ciclo combinato di scendere al di sotto della barra simbolica dei 200 g/km.

Per contenere la massa, con il marchio che punta a un peso a secco di 1.550 kg, Valhalla è costruita su una struttura in fibra di carbonio. È anche un modo per creare un legame con la Formula 1, che quest’anno ha fatto il suo ritorno nella massima categoria degli sport motoristici. L’auto beneficia di pneumatici Michelin appositamente progettati (cerchi da 20 pollici nella parte anteriore, 21 pollici nella parte posteriore).

Un ampio lavoro è stato fatto sull’aerodinamica, che ha fortemente influenzato la silhouette finale. Questa è in linea con quella della sorella maggiore Valkyrie, ma con un aspetto più vicino a un modello stradale. Il veicolo genera 600 kg di carico aerodinamico a 240 km/h. La famosa calandra del marchio viene reinterpretata come una grande calandra che occupa l’intera parte inferiore della prua. Il tetto è allungato con un elemento che integra una presa d’aria per raffreddare il V8 e le bocchette di scarico, in altezza.

L’interno non è stato ancora mostrato. Ma sappiamo che il posto di guida sarà fissato alla struttura. Sono quindi i pedali e il volante che verranno regolati. Aston Martin ha tempo, le prime consegne sono previste per la seconda metà del 2023.

Ti potrebbe interessare: Aston Martin fa causa a un concessionario svizzero: ecco perchè

Aston Martin Valhalla

Aston Martin Valhalla

Andrea Senatore

Laureato in Giurisprudenza, appassionato di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.