in

BMW si assicura la fornitura di acciaio a emissioni ridotte di CO2

Il gruppo automobilistico tedesco ha siglato alcuni accordi in Cina e Stati Uniti

BMW acciaio meno CO2

Il Gruppo BMW persegue i suoi obiettivi climatici per la rete di fornitori e riduce significativamente l’impronta di carbonio del suo approvvigionamento di acciaio. Dopo i contratti iniziali con i fornitori europei, il gruppo automobilistico tedesco ha ora concluso ulteriori accordi per la fornitura di acciaio a emissioni ridotte negli Stati Uniti e in Cina.

Joachim Post, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG e responsabile degli acquisti e della rete di fornitori, ha detto che l’acciaio è una delle principali fonti di emissioni di CO2 nella filiera del gruppo.

Ecco perché il colosso sta riorganizzando completamente il suo portafoglio di acciai, in modo da poter fornire alla sua rete di produzione globale oltre un terzo dell’acciaio a emissioni di CO2 ridotte a partire dal 2026. Ciò ridurrà l’impronta di carbonio della sua catena di fornitura di 900.000 tonnellate all’anno e allo stesso tempo guidando la trasformazione dell’industria siderurgica.

BMW acciaio meno CO2
BMW acciaio meno CO2

BMW: il gruppo ha siglato una serie di accordi sulla fornitura di acciaio prodotto con meno CO2

A medio termine, il BMW Group aumenterà il risparmio di CO2 attraverso accordi con ulteriori fornitori di acciaio e quindi porterà avanti costantemente la decarbonizzazione della sua rete di fornitori.

Circa il 20% delle emissioni di anidride carbonica della catena di fornitura per un veicolo di medie dimensioni completamente elettrico è attribuibile all’acciaio, che si trova al terzo posto, dopo le celle della batteria e l’alluminio. Con le sue proprietà versatili, l’acciaio è comunque uno dei materiali chiave per la produzione automobilistica e non sarà meno importante per i concept e le generazioni di veicoli futuri.

BMW acciaio meno CO2

In America sono già stati raggiunti accordi con i produttori di acciaio nazionali Steel Dynamics (SDI) e Big River Steel per utilizzare fonti di energia rinnovabile nella loro produzione locale di acciaio.

Negli Stati Uniti e in Messico, circa la metà del fabbisogno di acciaio piatto del Gruppo BMW è fornito dal processo di produzione dell’acciaio da forno elettrico, che si basa sull’energia elettrica per fondere rottami di ferro e acciaio. Questo processo di produzione ha un potenziale significativo per il risparmio di CO2 rispetto alla produzione di acciaio a base di carbone in un altoforno.

L’acciaio a emissioni ridotte di CO2 viene quindi utilizzato negli stabilimenti del gruppo tedesco di Spartanburg e San Luis Potosí per creare carrozzerie per i veicoli BMW. Grazie alle sue proprietà del materiale, l’acciaio dei forni elettrici è particolarmente adatto per l’uso in componenti strutturali come il sottoscocca.

BMW acciaio meno CO2

In Cina, il BMW Group ha già firmato un accordo ad agosto con il produttore di acciaio HBIS Group, che fornirà agli stabilimenti dell’azienda tedesca a Shenyang acciaio a emissioni di CO2 ridotte a partire dal 2023.

HBIS Group sta gradualmente passando a un metodo basato sull’idrogeno in combinazione con produzione di acciaio con forno elettrico per consentire ulteriore risparmio di CO2 a partire dal 2026. BMW sarà la prima casa automobilistica in Cina a utilizzare acciaio con meno CO2 del Gruppo HBIS nella produzione in serie.

BMW acciaio meno CO2

In passato ha già siglato altre partnership con H2 Green Steel, Salzgitter AG e Boston Metal

Il BMW Group ha firmato un accordo con Salzgitter AG per la fornitura di acciaio a basse emissioni di CO2. Il piano è di utilizzare l’acciaio nella produzione in serie di auto nelle fabbriche europee dal 2026 in poi.

Il colosso tedesco ha già firmato un accordo con la start-up svedese H2 Green Steel ad ottobre dello scorso anno. La società fornirà agli stabilimenti europei acciaio prodotto esclusivamente utilizzando idrogeno ed elettricità da energie rinnovabili.

BMW acciaio meno CO2

Il Gruppo BMW ha anche istituito cicli di materiali a ciclo chiuso per i rifiuti di lamiera d’acciaio con diversi fornitori di acciaio. Quando consegnano le bobine di acciaio agli stabilimenti, i produttori portano via i residui di acciaio e usano questo materiale per produrre nuovo acciaio. Quest’ultimo viene quindi rispedito agli stabilimenti del gruppo. In questo modo, le materie prime possono essere utilizzate più volte in un’economia circolare, preservando così le risorse naturali.

Oltre all’approvvigionamento di acciaio a emissioni ridotte di CO2, il BMW Group ha anche investito in un metodo innovativo per la produzione di acciaio privo di CO2 sviluppato dalla start-up americana Boston Metal.

Quest’ultima utilizza l’elettricità per la sua nuova tecnologia che, tramite una cella di elettrolisi, produce ferro fuso che viene successivamente trasformato in acciaio. Se per questo processo viene utilizzata elettricità da energie rinnovabili, la produzione di acciaio è quasi priva di anidride carbonica. Nei prossimi anni, Boston Metal prevede di espandere il nuovo metodo per la produzione di acciaio su scala industriale.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!