in

BMW M Hybrid V8: svelate le caratteristiche del motore P66/3

Come base di partenza è stato preso il P66/1 aspirato della BMW M4 DTM

BMW M Hybrid V8 P66/3

Tra poche settimane inizierà un intenso periodo di test per la BMW M Hybrid V8, con la quale BMW M Motorsport si batterà per la vittoria assoluta nel 2023 nella categoria GTP dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship.

Il progetto aveva già raggiunto una pietra miliare prima del lancio: il successo dell’accensione del sistema di trazione ibrida dopo l’installazione nel prototipo di prova alla fine di giugno. La Hybrid V8 è alimentata dal motore V8 biturbo P66/3 da 4 litri abbinato a un propulsore elettrico. La potenza complessiva è di circa 640 CV a 8200 g/min mentre la coppia massima è di 650 Nm.

BMW M Hybrid V8 P66/3
BMW M Hybrid V8, ecco il motore V8 biturbo P66/3 da 4 litri

BMW M Hybrid V8: BMW M Motorsport ha svelato tutte le caratteristiche del nuovo motore P66/3

Il motore a combustione si basa sull’unità DTM utilizzata nella BMW M4 DTM nel 2017 e nel 2018. Durante due fasi di ricostruzione, è stato sottoposto a modifiche complete per soddisfare i severi requisiti del sistema di trasmissione ibrida LMDh.

Ulrich Schulz, Head of Drivetrain Design di BMW M Motorsport, e il suo team avevano avviato un test per determinare quale powertrain da corsa sarebbe stato più adatto per la conversione in un sistema di trasmissione ibrido ad alte prestazioni, anche prima che il Consiglio di amministrazione del Gruppo BMW avesse dato il via libera all’ingresso di BMW M Motorsport nella categoria LMDh a giugno 2021.

BMW M Hybrid V8 P66/3

I vincoli temporali e la necessità di considerare gli aspetti di sostenibilità che stanno giocando un ruolo sempre più critico nelle corse automobilistiche, così come nell’industria automobilistica in generale, hanno fatto sì che il ritorno al tavolo da disegno per progettare un motore completamente nuovo non era un’opzione. Di conseguenza, la domanda era stabilire quale propulsore da corsa collaudato avrebbe soddisfatto al meglio i severi requisiti e le specifiche dei regolamenti LMDh.

L’otto cilindri aspirato P66/1 utilizzato nelle stagioni 2017 e 2018 nella M4 DTM è stato quello che ha ottenuto il via libera. Nella BMW M Hybrid V8, aveva il vantaggio di poter essere utilizzato in una monoscocca senza telaio ausiliario aggiuntivo ed era anche quello che corrispondeva maggiormente ai requisiti normativi dopo la conversione in un motore turbo ibrido.

BMW M Hybrid V8 P66/3

Durante la fase di valutazione, i tecnici hanno preso in considerazione anche il motore turbo a quattro cilindri P48 della BMW M4 DTM e al motore turbo a otto cilindri P63 della BMW M8 GTE, ma potenziali problemi con la durata del P48 e il peso superiore del P63 li hanno scartati. Così è stato scelto il P66.

È un vantaggio enorme essere stati in grado di utilizzare materiali esistenti come acciaio e alluminio per la base del motore, nonché per i singoli componenti, come alberi, alloggiamento e piccole parti. Questo ci ha fatto risparmiare tempo e molto denaro ed è stato quindi efficiente e sostenibile.

BMW M Hybrid V8 P66/3

La conversione del P66/1 aspirato in P66/3 biturbo è stata molto difficile

L’efficienza è un fattore critico per questo progetto poiché c’è un brevissimo periodo di tempo a disposizione tra l’inizio e la prima apparizione in gara a Daytona nel 2023. La conversione del motore P66/1 aspirato in un biturbo e poi il lavoro svolto per trasformarlo in un sistema di trasmissione ibrido è stato molto complesso.

Grazie alla competenza, alla grande collaborazione e all’elevata motivazione di tutti i reparti, BMW M Motorsport è riuscita a completare l’accensione del gruppo propulsore finale solo poche settimane fa.

BMW M Hybrid V8 P66/3

La prima fase ha visto il motore DTM aspirato P66/1 convertito in un propulsore intermedio, denominato P66/2, principalmente adattando due turbocompressori e regolando altre componenti.

L’attenzione era rivolta alla durata, all’aumento delle prestazioni e alla gestione della temperatura. Il P66/2 ha completato numerose prove, comprese simulazioni complete su pista e al banco di prova. Il passo successivo è stata la realizzazione del motore da corsa P66/3, comprensivo della versione biturbo, adeguamenti alle specifiche esigenze del telaio Dallara, impianto di scarico finale, serbatoio dell’olio, cablaggio e altro ancora.

BMW M Hybrid V8 P66/3

Il blocco cilindri e le testate sono stati rifusi nella fonderia del Gruppo BMW a Landshut (Germania) e il sistema di iniezione è stato ricostruito per l’iniezione diretta. Gli ingegneri, che vantavano già molta esperienza con i sistemi di propulsione elettrica grazie al progetto Formula E, stavano testando e integrando il motore elettrico in parallelo.

L’unità che costituisce il gruppo propulsore ibrido dell’auto è costituita dal motore elettrico, dall’inverter e dalla batteria ad alta tensione. C’è una frizione di separazione tra l’unità elettrica e quella termica, che consente una guida completamente elettrica, ad esempio nella corsia dei box.

Le due componenti della trasmissione sono state collegate per la prima volta nell’auto alla fine di giugno. La prima accensione del sistema ibrido della BMW M Hybrid V8 è stata un successo. A fine luglio seguirà il rollout a Varano de’ Melegari. Subito dopo inizierà una fase di test intensivi.