in

BMW: presto le auto potranno spostarsi nello stabilimento senza conducente

Il progetto pilota AFW è attualmente in fase di test solo nella fabbrica di Dingolfing

BMW Group Automated Driving In-Plant

Il Gruppo BMW sta lanciando un progetto unico che vedrà le auto effettuare manovre intorno alla linea di produzione senza conducente. Il progetto Automated Driving In-Plant (Automatisiertes Fahren im WerkAFW) è stato realizzato in collaborazione con due startup e migliorerà l’efficienza della logistica dei veicoli nuovi negli stabilimenti e nei centri di distribuzione.

L’obiettivo del progetto pilota è che i veicoli si muovano autonomamente nelle aree logistiche e di assemblaggio, in modo sicuro, efficiente e senza la necessità di un autista. Per fare in modo che ciò accada, il BMW Group ha collaborato con Seoul Robotics e Embotech.

BMW Group Automated Driving In-Plant
Automated Driving In-Plant, per il momento il progetto pilota sarà usato sulle nuove Serie 7 e i7

BMW: lanciato un progetto pilota a Dingolfing dove le auto prodotte si guidano da sole

Lanciato nel luglio 2022 presso lo stabilimento di Dingolfing, il nuovo sistema sarà testato per la prima volta su due auto che incorporano tecnologie rivoluzionarie: la nuova BMW Serie 7 e la BMW i7 completamente elettrica.

La guida autonoma all’interno della fabbrica è fondamentalmente diversa dalla guida autonoma per i clienti. Non utilizza sensori nel veicolo. In effetti, l’auto stessa è più o meno cieca e i sensori per manovrarla sono integrati lungo il percorso presenta nell’impianto.

AFW si basa su due tecnologie chiave: un’infrastruttura di sensori per supportare la localizzazione dei veicoli e rilevare gli ostacoli nel sito e un software di pianificazione della guida che trasmette comandi controllati ai veicoli senza conducente tramite comunicazioni mobili.

Inizialmente, i veicoli si muoveranno solo attraverso l’area di assemblaggio e poi verso la logistica. Appena usciti dalla linea di produzione, si dirigeranno verso un’area di parcheggio, pronti per il viaggio in treno o in camion. In sostanza, la tecnologia può essere utilizzata dal momento in cui le auto sono in grado di guidare in modo indipendente, in pratica subito dopo la prima accensione del motore.

BMW Group Automated Driving In-Plant

Il software di rilevamento LiDAR di Seoul Robotics utilizza sensori di monitoraggio statico per creare un gemello digitale dell’ambiente, inclusa la classificazione degli oggetti e la localizzazione dei veicoli, mentre il software di pianificazione della guida di Embotech sterza, frena, accelera e parcheggia i veicoli senza conducente.

I percorsi vengono calcolati in tempo reale e, anziché dover essere addestrati o programmati per la situazione attuale, ogni vettura è capace di rispondere in modo indipendente all’ambiente circostante.

Questa collaborazione, con due giovani startup e un OEM come il Gruppo BMW che lavorano insieme su un unico progetto, è probabilmente la prima nel suo genere. Ciò è stato reso possibile dalla venture client unit del gruppo automobilistico tedesco: il BMW Startup Garage.

Dopo aver scoperto Seoul Robotics come fornitore di tecnologie potenzialmente interessante, il BMW Startup Garage ha avviato il primo progetto proof of concept con Sasche Andree – project manager di BMW Group – e il team. Dopo una dimostrazione del prodotto, anche Embotech è stata accolta a bordo. Senza il BMW Startup Garage, la start-up non sarebbe mai stata in grado di valutare e testare la sua soluzione.

BMW Group Automated Driving In-Plant

Il progetto pilota durerà diversi mesi. Successivamente verrà ulteriormente implementato, inizialmente su modelli aggiuntivi presso lo stabilimento di Dingolfing e successivamente anche in altre fabbriche del colosso tedesco.

Automated Driving In-Plant è un progetto rivoluzionario nel settore automobilistico e solo una delle tante storie di successo del BMW Startup Garage. Il modello Venture Client è operativo dal 2015, collaborando con le start-up per valutare i loro potenziali progetti. È uno strumento leader per le iniziative aziendali e cerca di acquistare i loro prodotti in anticipo piuttosto che rilevare le start-up stesse.

Il BMW Startup Garage ha realizzato con successo più di 150 progetti pilota con start-up leader con questo approccio, con un volume di investimento cumulativo di oltre 4,5 miliardi di dollari.