in

Carlos Sainz: ecco cosa pensa a proposito della gara di F1 di oggi

Carlos Sainz ha vissuto un sabato particolare sapendo che sarebbe partito in ultima fila nel Gran Premio di F1 di Turchia

Carlos Sainz
Carlos Sainz

Carlos Sainz ha vissuto un sabato di transizione in Turchia. Lo spagnolo sapeva già che oggi dovrà partire ultimo indipendentemente dal suo risultato in questa classifica, quindi il suo obiettivo era passare la Q2 con un tempo e aiutare Charles Leclerc in scia.  Il madrileno ha fatto la Q1 normalmente ed è riuscito ad eliminare Daniel Ricciardo, favorendo la Ferrari di fronte alla sua lotta con la McLaren nel Campionato Costruttori.

Anche Sainz è sceso in pista in Q2 per aiutare Leclerc, che faticava ad andare forte su una pista totalmente asciutta. Lo spagnolo ha dato una mano al compagno di squadra con una scia e questo aiuto ha permesso a Charles di passare senza problemi il taglio e di qualificarsi in un ottimo quarto posto.

“Questo è quello che dovevamo fare oggi, passare in sicurezza alla Q2 e siamo riusciti a lasciare fuori una McLaren, il che è qualcosa che è positivo per noi per domani. Ho dato a Charles una scia nel suo ultimo giro, gli ho dato una mano, visto che stavamo soffrendo un po’ quando la pista si è asciugata”, ha spiegato Sainz dopo le qualifiche davanti ai microfoni di Dazn F1.

“Ho fatto tutto il possibile per aiutare Carlo in quella scia e penso di aver fatto bene. Siamo anche riusciti a lasciare Ricciardo fuori dalla classifica e abbiamo eseguito il nostro piano nel miglior modo possibile . Sono contento, ma è un peccato non essere riuscito a stare lassù, visto che la macchina è abbastanza competitiva”, ha insistito.

Sainz si rammarica di non aver avuto la possibilità di qualificarsi normalmente, poiché il ritmo della SF21 è stato incoraggiante per tutto il fine settimana. Il pilota spagnolo è fiducioso di fare una bella rimonta oggi, ma tutto dipenderà da quanto sarà facile guadagnare posizioni in pista. “E’ stato un peccato non aver potuto tentare un giro veloce, soprattutto vedendo le prestazioni della vettura sull’asciutto. È dura, ma considerando il resto dell’anno, è meglio avere la penalità ora e avere un motore migliore in quello che resta per il resto della stagione”, ha detto.

Ti potrebbe interessare: La Subaru da rally guidata da McRae e Sainz è tornata al suo antico splendore

Lascia un commento