in

Ferrari: Binotto afferma che il passaggio ai combustibili sostenibili “è un grosso problema”

F1
F1

Dal 2025, la Formula 1 avrà nuovi propulsori, che funzioneranno al 100% con carburanti sostenibili. Quanto sarà grande questo cambiamento? Importante quanto il passaggio dai V8 ai motori ibridi? Mentre molti governi in tutto il mondo oggi sembrano scommettere solo sulle auto elettriche per il futuro, quale messaggio potente manderà la Formula 1 a favore di un futuro per le auto e la mobilità che non passerà necessariamente per tutte le elettriche? Per aiutarci a rispondere a queste domande, il direttore della Scuderia Ferrari Mattia Binotto e il suo partner di carburante F1 István Kapitány, vicepresidente esecutivo globale per la mobilità di Shell hanno rilasciato interessanti dichiarazioni.

“Questo è certamente un problema importante. È essenziale che la roadmap della Formula 1 diventi sostenibile”, ha detto Matteo Binotto. “La F1 è sempre stata una piattaforma per l’innovazione, non solo per prestazioni, affidabilità e tecnologia, ma può anche essere un’innovazione per la sostenibilità. Tutta l’elettricità non è l’unica soluzione. Crediamo che ci siano altre soluzioni come l’ibridazione con combustibili.”

“In termini di design del motore, questo sarà un grande cambiamento nel know-how. Penso che ci sarà molto da imparare sui carburanti di nuova generazione, carburanti che oggi non sono molto conosciuti. Per cui nel mondo del motorsport, introdurremo il carburante E10, con il 10% di etanolo, nel 2022. Ma quello che otterremo nei prossimi cinque anni è sicuramente molto diverso dal primo step del 10% di etanolo.

È divertente, perché c’è una sfida ed è una curva di apprendimento, ma riguarda l’innovazione. La sfida è ottenere le massime prestazioni da un prodotto completamente sostenibile. La difficoltà sarà cercare di essere i migliori, perché è un ambiente competitivo e la competizione riguarda i vantaggi relativi”.

Il feedback dei fan è stato contrastato quando sono stati introdotti i motori ibridi nel 2014, con la lamentela principale relativa al suono meno incisivo delle auto. Questo brutto ronzio ha mascherato l’aspetto innovativo, vale a dire che i motori di F1 sono diventati termicamente efficienti a oltre il 50%, che è il tasso più alto di qualsiasi motore al mondo. Che cambiamento noteranno i fan nel 2025?

“Penso che non sarà visibile dall’esterno”, dice Binotto. “Quando siamo passati dal V8 al V6 ibrido il sound è cambiato. Ma se guardi alla forma delle auto, non credo che per i fan abbia fatto molti cambiamenti. E se consideri l’unità di potenza. che abbiamo oggi, ibrido e ad altissima efficienza termica, non credo che i fan ne siano pienamente consapevoli, e penso che starà ancora a noi spiegare ed evidenziare i risultati sui carburanti In termini di cambiamento, penso per i tecnici, i team e i produttori di power unit sarà un grande cambiamento e una grande sfida, ma non credo che sarà così visibile ai fan”.

“Negli ultimi anni sono stati compiuti progressi incredibili nella tecnologia delle batterie”, spiega István Kapitány. “Ma i combustibili liquidi hanno una densità di energia più elevata, che ci offre una grande opportunità per ottenere prestazioni elevate. Questo è uno dei motivi per cui è importante per noi lavorare con la Ferrari”.

Ti potrebbe interessare: Mattia Binotto dubita che i sorpassi saranno più facili con le vetture 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.