La Citroën C5 Aircross arriva in Italia

Citroën C5 AircrossSe fino a questo momento Citroën era una tra le poche case a non avere un suv di medie dimensioni nel proprio listino, pare che bisognerà ricredersi. C’è da aspettare fino al prossimo dicembre per ordinare la nuova Citroën C5 Aircross che risulta già disponibile in Cina ma è già pronta per arrivare in Europa senza alcun cambiamento rispetto alla versione cinese. La Citroën C5 Aircross si ispira chiaramente alla C3 Aircross dalla quale riprende il massiccio frontale e la mascherina sottile ma anche il portellone posteriore con disposizione verticale.

Di conseguenza lo stile riprende quello già visto sugli ultimi modelli della Casa francese a cominciare dai fari anteriori incastonati nella griglia ma soprattutto gli Airbump disposti nella parte bassa delle portiere e le preservano dai possibili urti. La piattaforma su cui si basa la Citroën C5 Aircross è la EMP2 quindi priva della possibilità di avere la trazione integrale. La C5 Aircross prevede quindi la sola trazione anteriore e una lunghezza complessiva di 450 centimetri. Una interessante novità è rappresentata dalle sospensioni Progressive Hydraulic Cushions che aumentano decisamente il comfort visto che al gruppo molla ammorizzatore viene aggiunta una coppia di fermi idraulici per la fine corsa, migliorando in questo modo la risposta quando si percorrono strade dissestate.

Come al solito anche gli interni sono votati al comfort visto che i sedili presentano persino un’imbottitura maggiorata mentre i sedili posteriori prevedono uno schienale reclinabile secondo cinque differenti inclinazioni e allo stesso tempo possono scorrere anche di 15 centimetri. In questo modo si potrà dare più spazio alle gambe o al bagagliaio, quest’ultimo presenta una capacità di 580 litri o 720 che diventano 1.630 con schienale abbassato.

Per quanto riguarda i motori bisogna dire che sono stati annunciati i benzina PureTech 1.2 da 130 cavalli e 1.6 da 180 cavalli e i BlueHDi 1.5 e 2.0 rispettivamente con 130 e 180 cavalli. Il prossimo anno è attesa anche una motorizzazione ibrida con batterie ricaricabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *