La Porsche Type 64 rimane invenduta ad un’asta di RM Sotheby’s

Porsche Type 64Sebbene la Porsche 356 del 1948 è considerata la prima vera vettura di casa Porsche, già 9 anni prima Ferdinand Porsche aveva dato vita ad un’auto da corsa denominata Porsche Type 64. La vettura è tornata alla ribalta nei giorni scorsi dopo che è stata messa all’asta, tra l’altro con un prezzo spropositato, uno dei più alti della storia dell’auto.

Dopo la realizzazione del mitico Volkswagen Maggiolino, Ferdinand Porsche si dedicò proprio a realizzare la Type 64 con motore a sbalzo e dotato di potenza maggiore rispetto a quello della Maggiolino. Tuttavia il prototipo ebbe vita breve, visto che non venne mai approvato in casa Volkswagen.

I progetti della Porsche Type 64 vennero ripresi da Ferdinand Porsche nel 1939 nel momento in cui l’organizzazione degli autisti del Partito Nazional-Socialista tedesco (la NSKK) lo incaricò di sviluppare un’auto da utilizzare per la Berlino-Roma. Il primo esemplare venne quindi ultimato per questo motivo, la vettura era leggerissima visto che pesava 610 chilogrammi e utilizzava un motore 1.0 Volkswagen potenziato a 40 cavalli oltre ad un’aerodinamica curatissima.

La prima Porsche Type 64 venne tuttavia danneggiata in un incidente e non corse mai la Berlino-Roma, ma Ferdinand Porsche ne costruì altri due esemplari e tutti portavano il nome Porsche sulla carrozzeria. L’esemplare divenuto famoso in questi giorni e battuto all’asta è l’unico sopravvissuto, questa Porsche Type 64 venne acquistata nel 1949 dall’imprenditore austriaco Otto Mathé che curò il restauro mantenendo però l’aspetto vissuto della carrozzeria.

Giunta nelle mani di un collezionista tedesco, la Type 64 è finita tra le aste di RM Sotheby’s. Tuttavia, forse a causa di un prezzo di riserva di 20 milioni di dollari difficilmente comprensibile dai possibili acquirenti, l’unica bellissima Porsche Type 64 è rimasta invenduta. Bisognerà aspettare la prossima asta e un prezzo di riserva decisamente ridotto, vedremo quindi se sarà così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.