Le batterie delle auto elettriche si possono ricaricare in 10 minuti

Ricarica Veloce BatteriePare che sia disponibile un metodo relativamente semplice per ricaricare le batterie agli ioni di litio delle vetture elettriche. La proposta viene da una ricerca condotta da un team di ricercatori della Penn State University. Il professore e direttore dell’Electrochemical Engine Center, Chao-Yang Wang, ha spiegato che “abbiamo dimostrato che possiamo caricare un veicolo elettrico in dieci minuti per fargli percorrere una distanza compresa tra 200 e 300 miglia (320-480 km). E possiamo farlo mantenendo 2.500 cicli di ricarica, cioè l’equivalente di mezzo milione di miglia (800.000 km) di viaggio”.

Si sa già che le batterie al litio si degradano più velocemente se sottoposte a ricariche rapide, con temperatura inferiore a 10°C. Il processo è legato al fatto che il litio, che agisce da catodo, si deposita sull’anodo di grafite riducendo la capacità delle celle. Tale fenomeno pare venga escluso se le batterie vengono ricaricate ad una temperatura superiore ai 10°C. Però bisogna agire con attenzione visto che il calore prolungato può degradarle ugualmente. Gli stessi ricercatori della Penn State University hanno visto che se le batterie vengono portate a 60°C per 10 minuti, in modo da raffreddarsi rapidamente, non formano placche sull’anodo. E quindi non si ha nemmeno degrado dovuto al calore.

Tuttavia bisognerebbe riuscire a riscaldare e raffreddare le batterie velocemente, soltanto quindi per una ricarica rapida di 10 minuti. In questo modo non sorgerebbe alcun pericolo. Già tutte le batterie in uso sulle vetture elettriche dispongono di un sistema di raffreddamento. L’unico problema è legato al raggiungimento della temperatura di 60°C.

La soluzione è stata individuata dagli stessi ricercatori: batterie autoriscaldanti. Il funzionamento è infatti legato ad una lamina sottile di nichel collegata al terminale negativo sfruttando un’estremità. L’altra estremità invece si estende all’esterno della cella creando un terzo terminale. In questo modo si possono riscaldare rapidamente le batterie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.