L’Euro Ncap vuole testare anche i nuovi sistemi di assistenza alla guida

L’Euro Ncap ha ampliato il suo raggio di azione annunciando di volere testare anche i nuovi sistemi per l’assistenza alla guida.

Questi si aggiungeranno infatti a completare il giudizio sugli attuali standard di sicurezza delle nuove vetture. La nuova scheda dell’Euro Ncap aggiungerà quindi una terza area. I tecnici infatti aggiungeranno i test sul regolatore di velocità adattivo e sul mantenimento attivo di corsia.

Sistemi come quelli citati fanno parte degli Advaced Driver-Assistance Systems (ADAS), cioè di quella famiglia di sistemi di assistenza alla guida rivolti ai guidatori e per prevenire possibili incidenti.

Tuttavia oggi i test condotti su questi sistemi non sono ancora stati inclusi nella valutazione classica in stelle, questo perché il sistema valutativo deve essere ancora completamente perfezionato. I nuovi test EuroNcap hanno individuato una serie di nuovi test per valutare al meglio questa tipologia di sistemi in modo da capire nel migliore dei modi se il loro funzionamento possa mettere in crisi il guidatore con meno esperienza, oppure se subiscono delle variazioni in casi di emergenza.

La prova svolta sulla regolazione adattiva della velocità è in grado di replicare le possibili situazioni che si presenterebbero alla guida. Ad esempio se la vettura che precede si ferma, se procede lentamente, se frena, se si inserisce tra la vettura guidata e quella che la precede o se scarta la corsia.

Sul mantenimento di corsia invece le prove vengono svolte su un tratto completamente rettilineo e su un percorso ad S. Sul tratto rettilineo la vettura del test dovrà scartare un ostacolo per poi riprendere il centro della corsia, nel secondo caso invece dovrà seguire l’andamento ad S del percorso proposto.

In questo modo Euro Ncap sarà in grado di testare la reale efficacia dei sistemi e di confrontare quanto annunciato dai dati delle case automobilistiche con i dati raccolti in modo da “scoprire” eventuali anomalie e frodi. Al momento l’Euro Ncap ha effettuato dei test sperimentali su dieci vetture differenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.