Maserati Grecale: il Tridente mostra alcuni teaser

Maserati GrecaleMaserati ha avviato lo scorso anno la sua personale nuova era introducendo la sportiva MC20. Il secondo passaggio da compiere per cominciare a navigare seriamente in questa nuova era è rappresentato dalla Maserati Grecale. Il nuovo SUV del Tridente è infatti attesissimo dal grande pubblico e ora è stato fotografato in maniera ufficiale in alcuni teaser diffusi proprio dalla casa del Tridente.

Un prototipo del SUV di medie dimensioni è stato infatti fotografato tra le strade che circondano lo storico stabilimento Maserati di Modena: le prime immagini del nuovo SUV Grecale sono state indirizzate ai dipendenti del costruttore modenese con la volontà di renderle successivamente disponibili sui social media. Oggi però i dettagli che si conoscono in relazione alla nuova Grecale sono pochi; tuttavia sembra sempre più probabile che la Grecale condividerà con l’Alfa Romeo Stelvio l’interessante piattaforma Giorgio, sebbene sotto al cofano troverà chiaramente posto un propulsore Maserati in luogo di un prodotto del Biscione.

La Maserati Grecale continua la tradizione del Tridente che sceglie alcuni nomi dei suoi modelli derivandoli da quelli dei più noti venti, d’altronde come ammette Maserati: “il Grecale indica il forte vento di nord-est che sferza sul Mar Mediterraneo”.

Il Grecale sarà il secondo SUV del marchio, dopo l’interessante Levante; d’altronde le previsioni di Maserati indicano proprio nei SUV una rappresentanza di circa il 70% delle vendite realizzabili entro il 2025.

Il Tridente ha ammesso che i prototipi della Grecale sono attualmente in fase di test su strada, pista e in fuoristrada, in vista della presentazione ufficiale prevista per la fine dell’anno. Inoltre, è prevista già una variante completamente elettrica da introdurre nel 2022. Da qui si prevede quindi una ovvia elettrificazione di altre vetture del Tridente a cominciare dalla prossima Quattroporte e a seguire anche col Levante che saranno disponibili nella variante elettrica sicuramente entro il 2023 o il 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.