in

Mercedes supporta la guida sicura e automatizzata sfruttando la tecnologia

Le Classe S ed EQS permettono di aggiungere il sistema Drive Pilot

Mercedes Drive Pilot

Quando si tratta di guida automatizzata condizionata (SAE Livello 3), la sicurezza e l’affidabilità sono le massime priorità per Mercedes. Drive Pilot si basa quindi su un’architettura di sistema che consente il controllo sicuro di tutte le situazioni che potrebbero verificarsi.

A tal fine, la frenata, lo sterzo, l’alimentazione e alcune parti del sistema di sensori sono progettati con ridondanza fisica e funzionale. Adottando questo approccio incentrato sulla sicurezza alla progettazione del sistema, la Stella di Stoccarda stabilisce parametri di riferimento completamente nuovi nella guida autonoma.

Mercedes Drive Pilot
Mercedes, il Drive Pilot permette di accedere alla guida autonoma

Mercedes: sulle Classe S ed EQS arriva il sistema Drive Pilot

Drive Pilot, il primo sistema al mondo certificato a livello internazionale, è disponibile come optional per le Mercedes Classe S ed EQS in Germania a partire dal 17 maggio 2022.

I quattro elementi fondamentali dell’architettura ridondante comprendono l’impianto frenante, lo sterzo, l’alimentazione e alcuni sensori. Ciò include il riconoscimento e la gestione dell’ambiente. Allo stesso modo vengono duplicati la batteria, il motorino dello sterzo, i sensori di velocità delle ruote e gli algoritmi utilizzati dal sistema per calcolare i dati.

Mercedes Drive Pilot

Alcuni aspetti del sistema di sensori sono anche funzionalmente ridondanti perché i loro diversi concetti fisici (inclusi ottica, ultrasuoni e onde radio) sono reciprocamente corroboranti, garantendo così un funzionamento sicuro in ogni momento. Ciò comprende principalmente radar, telecamere e un LiDAR.

Tuttavia, anche i sensori a ultrasuoni e di umidità, nonché i microfoni, forniscono dati preziosi. Complessivamente, più di 30 sensori assicurano che Drive Pilot sia in grado di padroneggiare in modo affidabile il compito di guida.

Mercedes Drive Pilot

Markus Schäfer, membro del Consiglio di Amministrazione di Mercedes Group AG e Chief Technology Officer responsabile dello sviluppo e degli appalti, ha detto che il nome Mercedes è sempre stato sinonimo di sicurezza. L’azienda sta già definendo gli standard nello sviluppo e nell’implementazione di sistemi di guida autonoma come il Drive Pilot.

La Stella di Stoccarda è convinta che la ridondanza sia l’approccio giusto per la guida autonoma di Livello 3 e oltre. Quando si tratta di sensori, Mercedes ritiene particolarmente indispensabile l’uso di LiDAR insieme a radar e telecamere. È possibile compensare i deficit dipendenti dalla situazione di un sensore con le caratteristiche di un altro. Affidarsi a un solo tipo di sensore non soddisferebbe gli elevati standard di sicurezza tipici del brand tedesco.

Mercedes Drive Pilot

Il sistema riesce a controllare la velocità e la distanza e mantiene l’auto nella propria corsia

Dopo l’attivazione di Drive Pilot, il sistema controlla la velocità e la distanza e mantiene il veicolo nella propria corsia. In determinate condizioni e sui tratti idonei dell’Autobahn, i clienti possono affidare al sistema il compito di guidare quando si viaggia in condizioni di traffico intenso o ingorghi a velocità fino a 60 km/h.

Nell’improbabile eventualità di un guasto in uno dei sistemi primari, l’architettura del sistema Drive Pilot è in grado di riconoscere la situazione e facilitare un passaggio sicuro del controllo al conducente.

Anche se il guidatore non è in grado di rispettare una richiesta (es. a causa di un’emergenza medica), il Drive Pilot avvia una manovra di arresto di emergenza sicura che non rappresenta un rischio per il traffico che segue.

Dall’invenzione dell’auto nel 1886, Mercedes ha ripetutamente stabilito parametri di riferimento nella sicurezza dei veicoli sfruttando tecnologie innovative. La sicurezza è uno dei valori fondamentali del marchio tedesco, motivo per cui offre da anni sistemi avanzati di assistenza alla guida (SAE Livello 2) nei suoi veicoli.

Possono migliorare la sicurezza stradale e semplificare notevolmente la vita nelle situazioni quotidiane. Ad esempio, forniscono assistenza con il controllo della velocità e della distanza, lo sterzo e il cambio di corsia.

Nel dicembre 2021, la storica casa automobilistica tedesca è diventata la prima al mondo a ricevere l’approvazione del sistema valida a livello internazionale per la guida autonoma condizionale (SAE Livello 3).

Come detto qualche riga fa, in Germania, Drive Pilot è disponibile per le Classe S ed EQS dal 17 maggio 2021. Per il parcheggio, il marchio tedesco ha fatto un ulteriore passo avanti, con la preinstallazione dell’Intelligent Park Pilot per rendere in futuro i parcheggi effettuabili senza conducente.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!