Per Tesla dati economici ancora non esaltanti

Tesla Model YIl primo trimestre 2019 non si era aperto bene per Tesla visto che le consegne delle vetture elettriche erano calate drasticamente. Ora però c’è da considerare anche il fatto che Tesla dovrà fare i conti con alcuni dati non proprio esaltanti dal punto di vista economico, quelli relativi al periodo che va da gennaio a marzo 2019.

C’è da dire infatti che il Q1 2019 ha rappresentato per Tesla un’introduzione delle entrate pari a 4,5 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 3,4 miliardi di dollari dei primi tre mesi dello scorso anno. Tuttavia il calo si registra nei confronti del quarto trimestre 2018 che registrava entrate pari a 7,22 miliardi di dollari. Di conseguenza ogni azione di Tesla ha perso circa 4 dollari, ben superiori da quei 1,21 dollari per azione ipotizzati dagli analisti.

La preoccupazione maggiore è tuttavia rappresentata dalle perdite. Nel Q1 infatti Tesla ha perso ben 702 milioni di dollari; l’ultimo trimestre di Tesla si è chiuso con 2,2 miliardi di dollari in contanti, ben differenti dai 3,7 miliardi di dollari presenti a fine 2018. Possiamo quindi dire che questa tipologia di dati aumenta il clima di incertezza che aleggia attorno a Tesla stessa, ricordiamo infatti che dalla sua prima quotazione in borsa del 2010, Tesla è riuscita a generare reddito netto in soli quattro trimestri.

Il solito Elon Musk ha già dichiarato, con una lettera rivolta agli investitori, che Tesla continuerà a perdere anche nel secondo trimestre di quest’anno mentre la redditività dovrebbe tornare a partire dal terzo trimestre. La razionalizzazione in casa Tesla passa da alcuni licenziamenti e dalla chiusura di alcune concessionarie per puntare alla vendita online.

L’azienda americana sta inoltre combattendo con un calo della richiesta di veicoli registrata nell’ultimo periodo, probabilmente arginabile con l’introduzione di versioni low cost delle Model S e Model X.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.