in

Porsche 911: due prototipi hanno scalato il vulcano più alto del mondo

La spedizione è stata condotta da Romain Dumas, famoso pilota endurance

Porsche 911 Carrera 4S scalata

Per quasi 60 anni, la Porsche 911 è stata spinta all’estremo sia in pista che su strada. Ora si sta scrivendo un nuovo capitolo: una coppia unica di auto sportive sperimentali 911 viene testata dove non ci sono strade, dove l’aria è rarefatta, dove la temperatura è molto al di sotto dello zero e persino i vegetali non possono sopravvivere.

Una squadra, guidata dal pilota endurance e avventuriero Romain Dumas, ha deciso di esplorare i limiti della 911 e ha optato per uno dei luoghi più difficili al mondo in cui iniziare l’avventura: sulle pendici di Ojos del Salado (Cile), il vulcano più alto del mondo.

Porsche 911 Carrera 4S scalata
Porsche 911 Carrera 4S scalata

Porsche 911: due auto sperimentali hanno scalato l’Ojos del Salado

Qui si è svolto il primo test della squadra e delle due vetture. Di conseguenza, una Porsche 911 è diventata uno dei pochissimi veicoli di qualsiasi tipo ad aver mai raggiunto un’altitudine così elevata.

Esplorando fino a 6007 metri, il modello tedesco, con Dumas al volante, ha affrontato dislivelli difficili e campi di ghiaccio che hanno messo alla prova le capacità sia della vettura che del team a temperature che si aggiravano intorno ai 30 °C sotto lo zero e con metà dell’ossigeno disponibile nell’aria rispetto al livello del mare.

Porsche 911 Carrera 4S scalata

Pareti impraticabili di neve e ghiaccio stagionali in alto vicino alla vetta hanno permesso di raggiungere il limite del test e hanno fornito uno scorcio allettante di ciò che le vetture sono capaci di fare nelle giuste condizioni.

Romain Dumas ha detto che questo è stato un momento davvero memorabile e speciale in un luogo che è allo stesso tempo bello e difficile. Il pilota ha immaginato che le uniche macchine al mondo più alte di loro fossero gli aerei.

Porsche 911 Carrera 4S scalata

Per il team e l’auto si trattava di imparare e, fin da subito, l’auto è risultata robusta e agile. Sono stati duri con loro stessi e si sono messi davvero alla prova per il loro primo test. Eppure, si sono sentiti a casa.

Nessuno ha visto tanto ghiaccio e neve salire verso la cima del vulcano, ma nonostante questo sono saliti oltre i 6000 metri, al punto che le pareti di ghiaccio e neve hanno impedito di andare oltre. Sono davvero orgogliosi di ciò che la Porsche 911 e il team sono stati in grado di fare per la prima volta.

Porsche 911 Carrera 4S scalata

Frank-Steffen Walliser, vicepresidente Complete Vehicle Architecture and Characteristics di Porsche AG, ha affidato questo progetto al suo ingegnere capo Michael Rösler. Quest’ultimo ha detto che è stato magico costruire una 911 mai vista prima d’ora. Ciò è stato reso possibile da un piccolo team di appassionati di ingegneria. La vettura è già stata collaudata in pista e, ovviamente, su strada.

Con questo progetto, il brand tedesco sta spostando l’attenzione dove non ci sono strade. Testare le teorie significa trovare gli ambienti più difficili possibili per vedere se funzionano e sul vulcano più alto del mondo ci sono riusciti.

Le due auto sperimentali si basano su una Carrera 4S 992

Porsche ha preso come base di partenza la sua Porsche 911 Carrera 4S di generazione 992, equipaggiata con un motore turbo a sei cilindri originale che sviluppa 443 CV di potenza ed è abbinato a un cambio manuale a 7 marce (anch’esso di serie).

La stessa 911 si è rivelata una base eccellente grazie al telaio robusto ma leggero, al passo corto, all’ampia potenza e alla capacità di affrontare bene altitudini estremamente elevate. Da questo punto di partenza, gli ingegneri Porsche di Weissach (vicino Stoccarda) hanno lavorato a stretto contatto con Romain Dumas Motorsport e dato libero sfogo alla loro creatività combinata mentre lavoravano per prepararla alle esigenze specifiche della montagna.

Le due vetture sono state inizialmente dotate di roll-bar, sedili in fibra di carbonio e imbracature per soddisfare i requisiti di sicurezza richiesti per un tale progetto. Successivamente, sono stati aggiunti gli assi a portale per aumentare l’altezza da terra (ora di 350 mm).

I nuovi rapporti di trasmissione più bassi consentono input dell’acceleratore precisi e delicati a bassa velocità e funzionano bene con pneumatici off-road di grandi dimensioni. Inoltre, le vetture sono dotate di una speciale protezione sottoscocca in fibra aramidica leggera, ma estremamente resistente per consentire lo scivolamento sulle rocce.

È stato aggiunto anche il Porsche Warp-Connecter. Originariamente progettato per l’uso nel motorsport, forma un collegamento meccanico tra tutte e quattro le ruote per consentire un carico costante sulle ruote anche quando il telaio è sottoposto a un’articolazione estrema, contribuendo alla massima trazione.

Sono stati utilizzati bloccaggi differenziali manuali e commutabili insieme a un avanzato sistema steer-by-wire. Infine, è stato aggiunto un verricello nella parte anteriore dell’auto insieme a una carrozzeria rivista per consentire lo spazio libero per le ruote e gli pneumatici fuoristrada larghi 310 mm.

Il sistema di raffreddamento è stato spostato verso l’alto per consentire all’auto di affrontare i tratti più estremi senza timore di danni. Come tocco finale, la carrozzeria delle speciali Porsche 911 Carrera 4S è stata rifinita con due diverse livree: una con la stessa livrea di Porsche Motorsport (che adornava la 963 LMDh da corsa) e una seconda livrea a tema 911 progettata dal team di styling di Weissach.

Più di 30 anni fa, un team di ingegneri Porsche ha montato la trazione integrale su una 911 per esplorare e ora Walliser è orgoglioso che questa curiosità tra gli ingegneri, per esplorare i limiti, per testare nuove idee e oltre tutto per ispirare, è viva e vegeta. Progetti come questo sono vitali all’interno della casa automobilistica tedesca.