in

Porsche risolve con falsi chip i suoi problemi di produzione

Porsche
Porsche

Secondo un quotidiano tedesco, lo “Stuttgarter Zeitung”, il marchio di lusso Porsche ha annunciato l’installazione di falsi chip temporanei per risolvere il problema legato alle difficoltà di produzione per mancanza di semiconduttori. Questi falsi microchip che verranno installati temporaneamente nelle auto del costruttore tedesco successivamente costringeranno l’azienda a una chiamata di revisione globale per installare i microchip autentici. Il produttore tedesco produce questi microchip che funzionano da segnaposto, per poi sostituirli con quelli definitivi una volta che sono disponibili e ricevuti presso le concessionarie.

Oliver Blume, numero uno di Porsche, ha sottolineato che i clienti possono stare tranquilli che questi chip verranno utilizzati solo in funzioni non essenziali dei loro modelli, che non pregiudicano il vero normale funzionamento. Dichiarazioni in cui non è stato però specificato quali sistemi specifici sono coinvolti, ma che non compromettono la sicurezza a bordo. Presumibilmente Porsche ha effettuato i relativi test per convalidare questa strategia.

Blume ha sottolineato che non c’è altro modo per risolvere il problema, in modo che i clienti non ricevano i loro modelli con ritardi eccessivi, impossibile specificare una data. Porsche, come altri produttori che hanno gli stessi problemi, allocherà i microchip disponibili nei modelli che garantiscono una maggiore redditività e in quelli che generano le più basse emissioni di CO2 al fine di rispettare i limiti di emissione previsti dalla legge.

Porsche
Porsche

Ti potrebbe interessare: Porsche lancia la nuova Macan con prestazioni migliorate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.