in

Schumacher su Netflix: Un bel tributo, dalla F1 all’incidente sugli sci

Michael Schumacher
Michael Schumacher

Il tanto atteso documentario su Michael Schumacher è ora disponibile su Netflix. È stato registrato negli ultimi anni e ha avuto la collaborazione delle persone più vicine e amate da ‘Schumi’, come sua moglie e i suoi figli e i suoi ex capi alla Ferrari, Jean Todt e Ross Brawn. Emozione, testimonianze inedite, rivelazioni e un bellissimo omaggio ad uno dei grandi piloti della storia.

Il documentario, è una bella recensione della sua carriera sportiva e anche della sua vita personale così sconosciuta, che include testimonianze delle persone più vicine alla star tedesca. Grazie a ciò, possiamo comprendere il difficile stato di salute in cui si trova, pur senza entrare nei dettagli.

Il film, prodotto da B|14 FILM GmbH, inizia con il ritorno di Michael Schumacher sul circuito di Monaco al volante di una Ferrari con il tanto atteso motore V10. Da lì ripercorre il debutto del “Kaiser” in F1 con il team Jordan (1991), torna ai suoi inizi nel karting  per poi andare avanti nel tempo fino all’incidente sciistico del 2013 per offrirci un finale emozionante.

Il documentario passa attraverso la firma di Michael alla Benetton (1992-1995), le immagini emozionanti e allo stesso tempo terribili del weekend in cui morì Ayrton Senna a Imola 1994, dove Michael vinse senza conoscere la morte di Senna fino a raggiungere il podio.

Dalla Benetton, alla Ferrari (1996-2006), con tutte le difficoltà all’inizio della sua storia lì per non avere una vettura competitiva. Le battaglie con Damon Hill e Mika Hakkinen, l’incidente di Silverstone del 1999 che lo costrinse a saltare parte della stagione. I dubbi Jean Todt dopo non aver vinto un campionato con Michael fino al 2000 …. E i cinque titoli di fila fino al suo ritiro nel 2006.

Il documentario ” Schumacher ” unisce testimonianze “sportive” di Ross Brawn, Jean Todt, il suo ex manager Willi Weber, Flavio Briatore, Bernie Ecclestone o piloti come Mika Hakkinen o Damon Hill, che contribuiscono con dati e ricordi alle immagini che si vedono. Viene alla luce anche un aspetto personale sconosciuto, la timidezza del Kaiser agli esordi. “Odiavo stare con le persone”, confessano.

C’è da dire che manca maggiore attenzione alla parte finale della carriera di Michael, con il suo ritorno nel 2010 insieme alla Mercedes. La cosa più preziosa è la collaborazione con la famiglia Schumacher, che ci ha permesso di avere accesso a immagini inedite che appartengono al loro archivio privato.

Grazie a questo potremo vedere Michael fuori dal circuito, circondato dalla sua famiglia, immagini del suo matrimonio o semplicemente le uscite con i suoi figli. “Passavamo sempre molto tempo insieme quando tornava da un viaggio, anche se era stato via per molto tempo”, ricorda Gina Schumacher, sua figlia, con un sorriso sulle labbra.

La parte finale del documentario è dedicata alla vita della famiglia dopo l’incidente mortale del 29 dicembre 2013. Corinna, Gina e Mick Schumacher, moglie e figli di Michael , spiegano brevemente come vivono ora e condividono ciò che gli manca di marito e padre.

Michael Schumacher
Michael Schumacher

” A Méribel, prima dell’incidente (Michael) mi ha detto che la neve non era in condizioni e che potevamo andare a Dubai per fare paracadutismo”, dice Corinna nei brillanti ultimi minuti del film. “Non ho mai incolpato Dio per quello che è successo, è stata sfortuna e non puoi avere peggio di così. È terribile quando dici perché è successo a Michael o perché è successo a noi e non ad altri”.

“Mi manca Michael ogni giorno e non solo me, ma anche i bambini, la famiglia, suo padre … e tutti quelli che erano con lui. Tutti lo sentono, ma Michael è qui, è diverso ma è qui e penso questo ci dà tutta la forza. Viviamo tutti insieme a casa, facciamo i suoi trattamenti e tutto ciò che possiamo in modo che stia meglio, a suo agio e possa sentire i nostri legami familiari e, qualunque cosa accada, farò tutto ciò che posso “.

“Cerchiamo di continuare la vita che avrebbe voluto, privato è privato, come diceva sempre . È importante che continui ad avere la sua privacy. Michael ci ha sempre protetto e ora noi proteggiamo lui”, aggiunge la moglie.

Ti potrebbe interessare: Michael Schumacher: belle notizie da Netflix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.