Volkswagen riceverà quasi 300 milioni di euro dopo un accordo con alcuni suoi ex dirigenti

Volkswagen ha perso miliardi di euro con il dieselgate scoppiato in USA nel 2015. Adesso però il gruppo automobilistico di Wolfsburg sta recuperando dei soldi da quattro dei dirigenti che hanno contribuito a orchestrare lo scandalo delle frodi sulle emissioni.

L’accordo vedrà ex dirigenti, incluso l’ex amministratore delegato Martin Winterkorn, pagare alla casa automobilistica quasi 18 milioni di euro a titolo di risarcimento per le loro parti nello scandalo dieselgate. Inoltre, la società ha dichiarato che riceverà € 270 milioni dalla sua polizza assicurativa di responsabilità per direttori e funzionari.

L’accordo è arrivato lo stesso giorno in cui i pubblici ministeri hanno accusato Winterkorn di aver dato falsa testimonianza al parlamento tedesco, riferisce Reuters. L’esecutivo ha detto all’organo di governo che non era a conoscenza del fatto che la società avesse manipolato i test sui motori diesel prima che diventassero pubblici.

Inizialmente, i dirigenti di Volkswagen hanno incolpato gli ingegneri disonesti per lo scandalo, ma un’indagine interna condotta dalla casa tedesca ha scoperto che i dirigenti hanno violato i loro doveri. A seguito dei risultati dell’indagine, che sono stati annunciati a marzo, la casa automobilistica ha affermato che avrebbe chiesto un risarcimento ai dirigenti in carica all’epoca: Come parte dell’accordo, Winterkorn darà 11,2 milioni di euro e l’ex CEO di Audi, Rupert Stadler, dovrà pagare 4,1 milioni di euro. Gli altri due dirigenti, l’ex membro del consiglio di amministrazione di Audi Stefan Knirsch e l’ex membro del consiglio di Porsche Wolfgang Hatz, pagheranno alla società rispettivamente 1 e 1,5 milioni di euro.

Ti potrebbe interessare: Volkswagen ID. Buzz autonomo pronto per i test

Andrea Senatore

Laureato in Giurisprudenza, appassionato di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.